Champagne Grand Cru Spécial Club 2005 H. Goutorbe

Denominazione: Champagne
Metodo: classico
Uvaggio: Pinot noir, Chardonnay
Fascia di prezzo: più di 50 €

Giudizio:
9.5


Sapete come sono certe antiche Maison de Champagne, sono molto riservate, discrete, non dico gelose dei loro “segreti”, ma sembrano vivere in un’epoca antica in cui la comunicazione, dire che esisti, dove sei, cosa fai e come la fai, non è importante, non era così importante come effettivamente è oggi.

E’ il caso di una Maison che a mio avviso propone Champagne straordinari, la maison de Champagne Henri Goutorbe, Aÿ, villaggio grand cru posto nel cuore della Champagne, a 3 km da Epernay, un’azienda di cui per trovare maggiori informazioni rispetto a quelle che trovo sul loro simpatico, molto essenziale sito Internet, devo rivolgermi alla eccellente guida fondamentale Grandi Champagne curata da Alberto Lupetti, dove leggo che “Emile Goutorbe, già “chef vigneron” di Perrier-Jouet, avvia con successo un ‘attività di vivaista dopo la Prima guerra mondiale, le fondatore delle Pépinières Viticoles Goutorbe, e nel frattempo inizia ad acquistare man mano vigneti”.

Ho scoperto così che suo figlio Henry, nato nel 1922, continua l’attività familiare di vivaista e solo al termine della Seconda guerra mondiale decide di avviare un’azienda vitivinicola di dimensione familiare, e che il figlio René soprannominato “l’efficace”, si occuperà di acquistare altri vigneti, dell’elaborazione delle cuvées e della formazione del marchio. Seguito dai figli Elisabeth, Bertrand e Etienne, il più giovane del trio, che da qualche anno ha assunto la guida tecnica.

Sempre dall’aurea Guida Grandi Champagne e non dal sito Internet aziendale apprendo che oggi Henri Goutorbe possiede 22 ettari, di cui sei a Aÿ, gli altri nei villaggi di Mareuil, Mutigny, Bisseuil, Avenay e Hautvillers, coltivati per il 70% a Pinot noir e che la produzione, distribuita lodevolmente in Italia dal lontano 1982 da Nicola Sarzi Amadè, viaggia intorno alle 180 mila bottiglie.

Trovo simpatico che sul sito, accanto ad una foto di Famiglia vengano pubblicate queste brevi descrizioni di ognuno, “René l’efficace, surnom acquis lors d’un voyage. Nicole, l’inspiratrice qui vous accueillera tant au bureau qu’à l’Hotel Castel Jeanson, Et leurs enfants : Elisabeth, l’indépendante qui a créé avec son mari le champagne Egrot & filles, Bertrand , l’observateur de vie qui apporte son soutien, Etienne, le renouveau en marche qui façonne le vignoble familial“.

Ma mi piacerebbe saperne di più, avendo preso atto che Monsieur Pinot noir è protagonista nelle diverse Cuvée, Tradition, Prestige, Cuvée Millesimé, con percentuali che vanno dal 70 al 75%, ad esempio dal punto di vista tecnico, visto che le presentazioni delle varie cuvées sono più che essenziali e prive di fiche technique

Degustando, anzi bevendo, con grande soddisfazione, qualche giorno fa, lo Champagne Grand Cru Spécial Club 2005, mi sarebbe piaciuto saper qualcosa di più della mera composizione della cuvée, 70% Pinot noir, 30% Chardonnay, e ho dovuto rompere le scatole al sempre gentile Alessandro Sarzi Amadé per apprendere che lo Special Club è prodotto da uve Chardonnay 30% e Pinot nero 70% tutte provenienti dal comune di Aÿ. Che la vinificazione è tradizionale, senza utilizzo di legno, e che di questo millésime esistono due dégorgement diversi, e che la bottiglia che ho bevuto è stata dégorgiata ad aprile 2016.

E qualche parola in più su cosa significhi Spécial Club o meglio Special Club Trésors de Champagne, club molto rigoroso nei suoi criteri, creato nel 1971 e composto da 28 artisans vignerons che danno particolare importanza al lavoro in vigna, visto che ne fanno parte ed il logo dell’associazione figura in fondo alla landing page?

Rien de rien… E allora, sperando che con Etienne Goutorbe oltre a lavorare bene come hanno sempre fatto padre e nonno, si convinca che raccontare qualcosa in più sul savoir faire ed il percorso dei loro Champagne non sarebbe male, eccomi a raccontarmi di questo fantastico Champagne Grand Cru Spécial Club 2005 H. Goutorbe.

Avvertenza numero uno: non pensate a questo Champagne come ad un vino da “sbicchierare”, perché questo è uno Champagne gastronomico e gourmand che richiede l’abbinamento a piatti di un certo impegno e consistenza. Penso ad una paella con pollo o con coniglio e verdure, ad elaborazioni salsate di pesci di una certa struttura come branzino, orata, dentice, o meglio ancora ombrina.

Penso invece che questo Champagne millésimé 2005, forte com’è di un 70% di Pinot noir di Aÿ, possa essere un fantastico vino (la componente vinosa è forte in questa cuvée) da abbinare a carni bianchi, ad un pollo ruspante con funghi o peperoni, ad una faraona e a piatti dove siano protagonisti fagiano, pernici, quaglie. E che potrebbe essere fantastico servito su un piatto di anatra.

Avvertenza numero due, meglio non servirlo troppo freddo, ma gustarlo ad una temperatura da cantina o poco più, perché possa sviluppare appieno la sua paletta aromatica e far apprezzare la ricca tessitura al gusto. E lasciare, senza fargli fretta, che il vino respiri, prenda aria, quasi fosse un rosso da lasciare chambrer…

Colore paglierino oro intenso, mostra un naso composto, fitto, complesso, molto intenso, ben deciso, volitivo, con profumi caldi di frutta secca in evidenza, ananas, mango, albicocca secca, miele e fiori gialli, agrumi canditi a comporre un insieme dalla consistenza e grassezza quasi burrosa.

Già dall’attacco in bocca si coglie la spalla larga, la struttura possente, la pienezza, la larghezza del vino, la sua vinosità bilanciata dove il Pinot noir gioca una parte importante, il suo allargarsi progressivamente sul palato e conquistarlo, eppure con una dolcezza espressiva, un’armonia, che richiamano il miele, tale è la materia. Uno Champagne per golosi e per autentici gourmet e per persone che hanno una certa esperienza in materia di Champagne importanti. Chapeau famille Goutorbe!

Champagne Goutorbe
9bis, rue Jeanson
51160 AY-CHAMPAGNE
Tél. + 33 (0)3.26.55.21.70
Fax + 33 (0)3 26 54 85 11
E-mail info@champagne-henri-goutorbe.com
Sito Internet http://www.champagne-henri-goutorbe.com

Attenzione!:

non dimenticate di leggere anche

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/

e Franco Ziliani blog http://www.francoziliani.blog/

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook