Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Notizie

Viticoltura e industria nelle terre del Moscato: convegno il 12 marzo a Canelli

Pubblicato

il

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo comunicato relativo ad un interessante convegno di studi, in programma sabato 12 marzo a Canelli presso la storica casa spumantistica Gancia.
Si parlerà di Moscato naturalmente, delle origini dello “spumante” italiano e del settore spumantistico piemontese, oggi come allora così importante e strategico non solo per l’economia, ma anche per il tessuto socioculturale della regione.

“Che cosa hanno in comune film come “Tempi Moderni” di Chaplin e “Metropolis” di Fritz Lang con la nascita dello spumante italiano? Molto, anzi moltissimo.Se ne parlerà il 12 marzo, dalle 9, alla Gancia di Canelli, nell’ambito di un convegno intitolato “Viticoltura e industria nelle terre del moscato” che fa parte del progetto ”La nascita dello spumante italiano”.
L’iniziativa è promossa dalla Comunità delle Colline “Tra Langa e Monferrato” ( composta dai Comuni di Calosso, Canelli, Castagnole Lanze, Coazzolo, Costigliole d’Asti, Moasca, Montegrosso d’Asti e San Marzano Oliveto) di cui è presidente il sindaco costigliolese, Giovanni Borriero, ed è realizzata in collaborazione con l’associazione “Canelli Domani” presieduta dal dottor Lorenzo Vallarino Gancia, dell’omonima Casa vinicola canellese.
Sabato 12 marzo, nella sede storica della Gancia, in corso Libertà a Canelli, un pool di relatori presenterà le sintesi di studi e ricerche sui rapporti tra viticoltura e industria nell’area di produzione dell’uva moscato bianco dove oltre un secolo e mezzo fa nacque il primo spumante d’Italia.
Ci saranno anche riferimenti alle tecniche di comunicazione pubblicitaria e didattica, sorprendentemente all’avanguardia, che le Case spumantiere adottarono agli inizi del Novecento per far conoscere non solo la propria attività, ma anche il territorio patria di vini e spumanti che hanno conquistato i mercati italiano e mondiale.
Spiega Patrizia Cirio, ricercatrice e storica dell’industria spumantistica del Sud Piemonte, che insieme al grafico e illustratore Giancarlo Ferraris e a Sergio Bobbio, ex funzionario del Comune ed esperto di fotografia, ha curato il convegno: «Il 12 marzo si ripercorrerà la storia della nascita e dello sviluppo delle imprese vinicole nel Sud Piemonte.
Saranno analizzate le ripercussioni che questi avvenimenti hanno avuto, a livello locale e nazionale, sul paesaggio, sull’assetto socioeconomico, culturale e persino sulle tendenze artistiche”.
Il programma, diviso in due parti, prevede una scaletta fitta di interventi che, per motivi di tempo, seguiranno una scansione rapida e sintetica, «ma le relazioni complete potranno essere consultate attraverso un’apposita banca dati, cartacea e on-line, che è in fase di realizzazione” annota Cirio.

Tra i relatori della prima parte del convegno canellese, oltre al presidente della Comunità collinare, Borriero, e al “padrone di casa” Lorenzo Vallarino Gancia, che porteranno i saluti rispettivamente del consorzio di Comuni e della maison spumantiera che ospita l’incontro, ci saranno il prof. Marco Devecchi, presidente dell’Osservatorio del paesaggio per il Monferrato Astigiano; la professoressa Anna Schneider dell’Istituto di Virologia vegetale di Grugliasco che fa parte del Cnr; Pierstefano Berta e Giusi Mainardi storici e ricercatori dell’Oicce, l’organizzazione per la comunicazione e le conoscenze in enologia; le ricercatrici universitarie Paola Gullino e Federica Larcher; Carlo Tosco, docente associato al Politecnico di Torino.
Nella seconda parte Patrizia Cirio, Giancarlo Ferraris e Sergio Bobbio presenteranno testimonianze inedite sulla comunicazione e sulle attività di divulgazione aziendale messe in atto dalle Case spumantistiche tra IX e XX secolo.
Si parlerà della trasformazione delle tecniche grafiche e pittoriche in materia di affiches e di packaging enologico; dell’uso vincente della fotografia come testimone in presa diretta di una rivoluzione eno-industriale in piena evoluzione e, infine, del cinema che, come accadde nello stesso periodo ad Hollywood con le opere di registi e artisti come Chaplin e Lang, riporta fedelmente, con precisione documentaristica, le immagini in movimento di un mondo in sviluppo frenetico, tra innovazione tecnologica e profonde trasformazioni sociali.
Dalle ricerche negli archivi storici della Gancia curate da Cirio, Ferrarsi e Bobbio, è, infatti, emerso un filmato d’epoca, recuperato da Paola Visconti e Franco Ferrero della Casa spumantiera canellese, perfettamente conservato e che sarà proiettato per la prima volta proprio nel corso del convegno canellese. Vi si racconta l’industria dello spumante e il suo territorio con un taglio cinematografico incredibilmente analogo a quello con cui i films “Metropolis” di Fritz Lang o “Tempi Moderni” di Chaplin riuscirono a rappresentare i cambiamenti sociali determinati dalla nascita della civiltà industriale moderna.
“Si tratta – chiariscono Cirio, Ferraris e Bobbio – di un documento prezioso che riporta al passato per comprendere al meglio il futuro di uno dei vanti del Piemonte vinicolo: il settore degli spumanti, oggi come allora così importante e strategico non solo per l’economia, ma anche per il tessuto socioculturale piemontese”.
Conduttore del convegno sarà Filippo Larganà, giornalista professionista, blogger e curatore del sito www.saporidelpiemonte.it.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Viticoltura e industria nelle terre del Moscato: convegno il 12 marzo a Canelli | Wine Italy Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy