Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Notizie

Bollicine d’Italia al Vinitaly: a che punto siamo con le adesioni?

Pubblicato

il

Manca poco più di una ventina di giorni dall’apertura, giovedì 7 aprile, della più importante rassegna del vino italiana, il Vinitaly. Nell’ambito della fiera sono previste tante manifestazioni collaterali, tra cui, come ho già scritto, qui, una vetrina che si presenta con il nome generico di Bollicine d’Italia o Sparkling Italy come recita in inglese.
Ho già fatto notare l’assoluta incongruità rappresentata del mettere insieme, nello stesso mazzo, “tutte le tipologie, dal metodo classico allo charmat”, nel nome del “successo mondiale che, nonostante la crisi economica globale, ha visto l’export di bollicine made in Italy crescere progressivamente”.
E visto che parlano di “territori di produzione e cantine, informazioni sui metodi di vinificazione e degustazioni curate da sommelier professionisti”,  di “un’area dove la presentazione dei vini, delle cantine e dei territori verrà fatta anche tramite supporti informatici, riservata agli operatori professionali che potranno così essere guidati tra le proposte dei consorzi di tutela e delle principali aziende produttrici, in rappresentanza delle 18 regioni e delle circa 600 cantine dove vengono prodotte le bollicine italiane”, posso fare una semplicissima, banale domanda?
Possiamo sapere, ad una ventina di giorni dal Vinitaly, in un’ottica di trasparenza, di comunicazione, e perché la stampa, soprattutto quella libera, ha diritto di essere informata, quali aziende, quali zone produttrici, quali Consorzi di bollicine a denominazione d’origine, sia metodo classico che charmat, hanno sinora dato la loro adesione?
Possiamo sapere quante “delle circa 600 cantine” produttrici di bollicine saranno presenti ai nastri di partenza di Bollicine d’Italia e renderanno?
Forza Ente Fiere di Verona, forza organizzatori del Vinitaly, fateci sapere!

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy