Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Discussioni

Bollicine: stanno veramente diventando vini “da tutto pasto”?

Pubblicato

il

Una delle parole chiave delle chiacchiere, pardon, del discorso sul vino, o meglio sulle bollicine, è “destagionalizzazione dei consumi”.
Il che tradotto in soldoni, o meglio in bicchieri (o flûte ?) significa non limitarsi a stappare bollicine, soprattutto metodo classico, perché gli Charmat come il Prosecco, decisamente meno costosi, vengono ben più copiosamente consumati, a bicchiere nel rito tipicamente da nord-est dell’”ombra”, esclusivamente quando si deve festeggiare qualcosa, oppure a Natale-Santo Stefano-Capodanno, ma nella normale prassi di consumo.
Ma la domanda, rivolta ai lettori di Lemilleblog, è:
secondo la vostra personale esperienza voi siete riusciti a far diventare Champagne e/o metodo classico dei vini da tutto pasto?
E con quale periodicità, percentualmente quante volte ogni dieci che pranzate/cenate bevendo vino, e non limitandovi a consumare acqua minerale o birra, o peggio ancora bibite gassate, scegliete di stappare e di godervi a tavola dei metodo classico italiani, TrentoDoc, Alta Langa Docg, Franciacorta Docg, Oltrepò Pavese Docg o altri?
E se non lo fate ancora, o lo fate raramente, diciamo una volta ogni dieci, questo accade per quale motivo?
Perché per voi i metodo classico sono solo vini da aperitivo o al limite da antipasto?
Perché non riuscite ancora a vederli come vini che possano accompagnare un intero pasto (ovviamente non a base di carni rosse, selvaggina, brasati o bistecche al sangue)?
Perché c’è qualcosa nel loro gusto o nelle loro caratteristiche che vi sembra sia in contraddizione con quello che chiedete ad un vino fermo (bianco o rosso) quando lo portate a tavola?
Oppure c’è qualche altro motivo che funge da ostacolo, sempre secondo la vostra personale way to drink and to taste, al riconoscimento pieno che una buona bottiglia di metodo classico italiano, e per i meno italocentrici e autarchici nei consumi, anche di Cava o di Champagne, possa essere il filo rosso di un intero pasto?
A voi la parola, fatemi capire come la pensate, qual’è il vostro “bollicinoso” sentire!

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
17 Commenti

17 Commenti

  1. Adriano Buoso

    06/02/2012 at 09:45

    Da sempre le bolle, dipende da quali, sono un vino a tutto pasto, tranne il dolce e la frutta!

    • Mario

      25/12/2016 at 00:10

      Mi spiace, ma le bolle sono caratteristiche dello spumante.
      Il vino ne è privo.

  2. spirito

    06/02/2012 at 11:24

    Venerdi’ sera amici a cena, menu’ che prevedeva polenta riscaldata con affettati e sformatini di patate abbiamo pasteggiato con Monsupello millesimato 2004.
    CI stava proprio bene

  3. Marco

    06/02/2012 at 11:41

    Ormai mi reputo un metodo classico dipendete, l’abbino a tutte le portate e a mio modestissimo parere è il vino più eclettico che si possa provare a tavola. Vorrei cimentarmi nell’impresa di provare l’abbinamento metodo classico bistecca “alla fiorentina”, pensavo ad uno champagne di buon corpo e struttura a base di pinot noir. Cosa mi sa dire a riguardo caro Ziliani, è davvero un abbinamento improponibile?

  4. Alle

    06/02/2012 at 12:31

    Io, a casa mia, bevo solo metodi classici o Champagne. Una alla settimana o 10 giorni, ovviamente causa prezzo. Non su quello degli Champagne, bevo bene anche con bottiglie da 20 euro, ma parlo dei prezzi delle nostre bolle che credo siano un po’ troppo alti per ciò che offrono.
    Non ho nessun problema a dire che li bevo a tutto pasto entrambi. Io pero’ sono di parte: i metodi classici che acquisto devo avere una alta percentuale di pinot nero, altrimenti, ma questa è il mio gusto, mi sembra di non bere nulla e in questa categoria, e qui non me ne vogliate, devo includere tutti i Franciacorta base. Per gli Champagne è tutta un’altra storia, nemmeno da paragonare.

  5. Zakk

    06/02/2012 at 20:51

    le bollicine sono a tutto pasto se le portate lo consentono.
    Sorrido per non piangere quando produttori di MC mi dicono che il loro vino di punta, solitamente millesimato dalle strutture importanti, vanno bene pure con lo spiedo bresciano.
    Ogni cosa al suo posto, ma anche un posto per ogni cosa: le bolle non possono sostituire i rossi nell’abbinamento di certe pietanze, caso mai ne soffriranno i vini bianchi.

  6. Roberto Morelli

    07/02/2012 at 03:55

    Da qualche anno le bollicine accompagnano anche I miei pasti (una volta invece erano intese solo per le feste). Sia metodo classico che vino Prosecco (nella versione Brut, non amando troppo I’ll dolce nei vini).
    Cerco peraltro di restare nell’ambito della produzione italiana(oramai variegata e di ottimo livello nel metodo classico), anche se da un po’ di tempo questo e’ quasi impossibile per questioni logistiche.

  7. Andrea

    07/02/2012 at 10:20

    Non prevedere e consumare bollicine a tutto pasto per molti e’ solo un problema di mentalità. Dall’antipasto al dolce esclusa cioccolata e gelati si può abbinare quasi tutto. Con i dolci proviamoci dei Demi Sec e con carni e pietanze impegnative c’è da sbizzarrirsi con i Pas Dose’ o con bollicine dove il Pinot nero la fa da padrone o Blanc de Noir. Buone bollicine a tutti

    • Mirko

      08/02/2012 at 08:06

      Le bollicine accompagnano da un bel po’ di tempo le mie cene a base di pesce, alternando dei buoni francicorta e champagne a seconda dei piatti. Credo che questi vini diano il meglio di loro proprio se bevuti a tutto pasto.Certo sostituire un buon rosso riserva in abbinamento ad una fiorentina mi sembra una scelta un pochino azzardata.Perciò come dire “ad ognuno il suo”

  8. fausto

    07/02/2012 at 20:42

    …i metodo classico ormai da tempo occupano gran parte dei ripiani della mia cantina, e li consumo rigorosamente a tuttopasto, almeno una volta a settimana… banditi prosecco e charmat “banali”, a parte qualche rara eccezione.. ed il concetto bollicina=festa sto cercando di sradicarlo dalla mente di un consumatore meno esigente come mio padre (ancora con scarsi risultati, visto la riluttanza del soggetto a dar credito ad un bevitore di venticinque anni di meno… orgoglio maschil-genitoriale!) … sono filofrancese, lo ammetto e non me ne vergogno, ed avendo la fortuna di lavorare presso un distributore ed importatore di vino, non ho problemi di approvvigionamento di prodotto a prezzi di favore… prosit!

    • Mario

      25/12/2016 at 00:08

      A mio modesto parere il Prosecco non è uno spumante da pasto, anche se ormai tutti lo bevono a tavola.

      • redazione

        25/12/2016 at 01:16

        per me non é da pasto, né da fuori pasto, né da aperitivo. Non riesco a farmelo piacere. Preferisco un bel bicchier d’acqua…

  9. Pingback: Inchiesta bollicine a tutto pasto, a che punto siamo?Parla il sommelier Federico Graziani | Wine-Italy blog

  10. Pingback: Inchiesta bollicine a tutto pasto: parla la sommelier Chiara Giovoni | Wine-Italy blog

  11. Pingback: Inchiesta bollicine a tutto pasto: parla Alessia Botturi presidente della North American Sommelier Association | Il Prosecco

  12. Pingback: Inchiesta bollicine a tutto pasto: parla Alessia Botturi presidente della North American Sommelier Association | Blog di Vino al Vino

  13. Pingback: Bollicine da tutto pasto… Anche in Polonia | Il Prosecco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy