Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Alla Ferrari le “bollicine” piacciono più del Trento Doc

Pubblicato

il

Ho ricevuto dall’ufficio stampa delle Cantine Ferrari di Trento, l’azionista di maggioranza del Trento Doc e di gran lunga il principale produttore di metodo classico trentino un comunicato stampa.
L’oggetto della e-mail recita: “Bollicine Ferrari protagoniste ai party di Prada a New York”. Normalmente, dato l’argomento, non particolarmente interessante per me, visto che informa che “a New York Prada sceglie Ferrari per i party che festeggiano la mostra, al Metropolitan Museum, dedicata a Miuccia Prada e Elsa Schiaparelli”, non avrei prestato attenzione al testo. Ma poi, dopo aver letto, ho fatto un semplice ragionamento.
Il comunicato stampa recita: “E’ stato, il party di Prada che prelude all’apertura della mostra “Schiaparelli and Prada: Impossibile Conversations” al Metropolitan Museum, tra gli eventi più attesi dell’anno a New York ed ha riunito, prima all’ Ukrainian Institute e poi alla Boom Boom Room dello Standard Hotel, grandi personaggi della moda e dello spettacolo fra cui Beyoncé, Mick Jagger, Marc Jacobs e Alicia Keys che ha cantato al pianoforte. Per tutti, Prada ha scelto per la serata un brindisi all’insegna dell’arte di vivere italiana, con bollicine Ferrari, a conferma del fatto che sempre più spesso Ferrari si propone come il perfetto suggello dei momenti più significativi dei grandi marchi del made in Italy”.
Dal che si desume un’evidenza, non solo semantica. Ovvero che alla Ferrari di Trento non solo non si facciano alcun problema a continuare a chiamare “bollicine” i loro metodo classico, e che non pensino affatto di smettere di chiamarli così, ma che preferiscono di gran lunga chiamarli bollicine, e quando capita “spumante”, piuttosto che, non sia mai detto, Trento Doc..
Dimostrando il consueto, proverbiale, attaccamento alla causa della denominazione d’origine trentina riservata ai metodo classico…

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Trentino Wine Blog » Trento: facciamo il punto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy