Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Discussioni

Sparkling wines in grande spolvero anche in Israele

Pubblicato

il

Le cronache e le analisi di mercato e sugli orientamenti del consumatore odierni e futuri, sono stati chiarissimi . In tutto il mondo una delle pochissime tipologie di vino le cui vendite crescono nonostante la crisi è, insieme a quella dei rosati, la tipologia che per comodità chiameremo, anche in realtà non significa nulla, quella degli “spumanti”. O sparkling wine per dirla in inglese, o “vin mousseuxà la française.
Ovunque le bubbles rischiano di diventare i wine aficionados best friend. L’ennesima riprova di questo trend viene da un Paese che è anche produttore di vino, e buon consumatore, e gode di una situazione economica solo marginalmente toccata dalla crisi che ha investito Europa e Stati Uniti, visto che nel 2012 il PIL dovrebbe crescere del 2,5%, dopo essere cresciuto del 4,8 nel corso del 2011. Sto parlando dello Stato di Israele.
Intendiamoci, un dato estremamente significativo, ovvero le importazioni di Champagne, appare decisamente in contro tendenza, visto che Israele con 64480 bottiglie importante nel corso del 2011 (erano 62349 nel 2010, ovvero 2131 bottiglie in più con un modestissimo incremento del 3,30%) non solo non figura nei primi 30 Paesi importatori, ma è in posizione decisamente arretrata. Ciononostante, come racconta il noto giornalista israeliano Adam Montefiore, in un articolo pubblicato sul Jerusalem Post, “Israelis love sparkling wine”, Israele ama gli “spumanti”, e anche se ci è voluto del tempo per acquisire questo gusto, “gli israeliani di ogni età non amano nulla di più che stappare “bollicine”.
Montefiore riconosce che lo Champagne “è il massimo simbolo del successo e della felicità.  E’ il vino della moda e delle celebrazioni”, per festeggiare il Nuovo Anno o un matrimonio e rimane “il vino classico con cui brindare”. Ma sempre più israeliani, dice il giornalista, “stanno scoprendo che al ristorante si può iniziare un pranzo con un bicchiere di bollicine”. Che necessariamente non sono Champagne, bensì, scrive, “This may be a Cava from Spain, a Prosecco from Italy or a semi-sparkling Lambrusco, also from Italy”.

Fortunatamente, annota, “ci sono svariati eccellenti sparkling israeliani per contrapporsi all’invasione di bollicine estere e oggi Israele può vantare una ottima gamma di sparkling di ogni stile e prezzo”.
Il giornalista presenta i tre tipi di “spumanti” oggi prodotti in terra israeliana, ovviamente i méthode champenoise e gli Charmat ma anche quelli, very cheap, che definisce “Coca-Cola method”, realizzati con una “iniezione di anidride carbonica che dà origine alle bollicine”.
L’articolo si conclude con un’annotazione molto eno-patriottica secondo la quale “The main Israeli sparkling wines of today do not suffer by comparison with all the imported sparkling wines”, ovvero che i principali sparkling israeliani di oggi non hanno complessi di inferiorità verso tutti gli sparkling importati. Discorso che forse potrà valere per Cava e Prosecco et similia ma non certo per gli Champagne…
All’articolo fa seguito una serie di note di degustazione di alcuni dei principali prodotti locali. Sarebbe bello poterli assaggiare e verificare se, patriottismo a parte, il livello della spumantistica israeliana sia davvero così elevato… Proverò  a darmi da fare!

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
6 Commenti

6 Commenti

  1. Francesco Beghi

    27/12/2012 at 12:46

    Amara constatazione a margine: all’estero le bollicine italiane sono Prosecco e Lambrusco, con buona pace di Franciacorta, Oltrepò Pavese, TrentoDoc, Alta Langa et cetera.

  2. Zakk

    27/12/2012 at 16:59

    Il fatto è che noi italiani, siccome Yarden lo importa e distribuisce Gaja, lo compreremo a iosa.
    Prosit.

    • Franco Ziliani

      27/12/2012 at 19:31

      non potevamo chiudere il 2012 senza il consueto commento, in forma di caz… pardon, zakkata, di tale Zakk…

      • zakk

        30/12/2012 at 15:18

        l’anno non è ancora finito Ziliani, vedrà che se ci sarà occasion e un’altra zakkata ci scappa così anche lei potrà aumentare il volume dei suoi post rispondendomi.
        E in ogni caso, provi a rispondere nel merito una volta, non le solite zilianate.

        • Franco Ziliani

          30/12/2012 at 15:26

          una volta tanto é stato spiritoso: sicuro di essere proprio lei?
          tornando alla sua ultima caz-zakkata, escludo che per il semplice fatto che quello sparkling wine israeliano sia importato da Gaja distribuzione quel vino possa avere un grande successo commerciale da noi.
          Io non l’ho mai provato e sto cercando di procurarmene una bottiglia, come pure altri di sparkling israeliani. Ma senza ricorrere ai buoni uffici di Gaja, che pure nel portafoglio di vini che distribuisce ha fior fior di ottime cose. Detto da uno che notoriamente con Gaja non é “cul et chemise”…

  3. Pingback: Gamla Brut Golan Heights Winery | Il Prosecco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy