Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Discussioni

Statistiche Champagne 2013: previsto un calo molto contenuto

Pubblicato

il

Champagne-cartina

Anche se c’è chi in Italia, dando letteralmente i numeri, lo dà in caduta verticale, ovviamente sorpassato da “spumanti” generici, in larga parte metodo Charmat, lo Champagne affronta il periodo cruciale dell’anno, quello che determina in larga parte i risultati del fatturato finale, il periodo settembre-dicembre, confortato da dati interessanti.
Come si legge sul blog specializzato transalpino Champagne, un monde de bulles, i dati più recenti relativi alle “expéditions de vins de Champagne” indicano una sostanziale tenuta delle “bollicine” prodotti dalle Maison di Reims, Epernay e dintorni. I dati più recenti, relativi al mese di luglio 2013, parlano di un volume di 23,3 milioni di bottiglie, in leggero rialzo, uno 0,5%, rispetto al luglio 2012.
I consumi in Francia continuano ad essere in ribasso (- 3,8%), i Paesi terzi segnano un leggero calo (-0,7%) dopo mesi tutti con il segno più, mentre sono i Paesi dell’Unione europea a fare segnare un netto progresso: (+11,9%). In totale da gennaio sono state spedite 131,4 milioni di bottiglie, con un calo del 2,4%.
I Paesi terzi, che comprendono un 24,2% delle spedizioni, fanno registrare un aumento del 5,1%, i Paesi dell’Unione Europea (il 22,6% delle spedizioni) calano del 4%. La Francia, che comprende tuttora il 53,2% delle spedizioni, segna un calo del 4,9% e si ferma a poco meno di 70 milioni di bottiglie, contro i 29,7 dei Paesi comunitari.
Quanto alle proiezioni e previsioni totali, secondo l’andamento attuale potrebbero segnare un calo, tutto sommato accettabile, del 3,1% e le spedizioni a fine 2013 dovrebbero fermarsi intorno ai 305,4 milioni di bottiglie.
Questo con buona pace di chi ciarla di una caduta verticale dei consumi dello Champagne nel mondo. Ovviamente a tutto vantaggio non solo di molti risparmiosi Cava spagnoli, ma dell’armata Brancaleone dello “spumante italiano”, in larga parte dominato da vini di poco prezzo metodo Charmat.

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
3 Commenti

3 Commenti

  1. fabry

    19/09/2013 at 15:45

    Non c’è la possibilità che anche il blog specializzato transalpino dia i numeri? Conoscendo i francesi e il loro proverbiale nazionalismo non ci vedrei nulla di strano, anzi.

    • Franco Ziliani

      19/09/2013 at 16:34

      né questo né il blog transalpino “danno i numeri” nel senso che lei ipotizza. Danno statistiche incontrovertibili e ipotizzare il contrario é ridicolo

      • fabry

        20/09/2013 at 10:56

        Non dubiterò mai più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy