Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Degustazioni

Lugana metodo classico Brut Olivini

Pubblicato

il

LuganaBrutOlivini

Mi sono proprio divertito, la scorsa settimana, a trascorrere una giornata e mezza sul Garda bresciano. In primo luogo perché i posti sono meravigliosi, le giornate da me incontrate bellissime, con un sacco di turisti, soprattutto del nord Europa, a godersi questo scorcio di fine estate, e perché ho potuto fare due degustazioni molto interessanti di cui conto di scrivere presto su Vino al vino.

La prima una degustazione tecnica presso il Consorzio Valtenesi di una tipologia di vini che particolarmente nel cor mi stan, i rosati, pardon i Chiaretto trovandoci in area gardesana, prima tappa di un lavoro di caratterizzazione e studio di questa speciale modalità del vino che il Consorzio ha intrapreso e che mi ha invitato a seguire.

La seconda degustazione, per certi versi rivelatoria, dedicata ad una delle denominazioni italiane più antiche, nata nel 1967 e la prima riconosciuta in Lombardia e una delle primissime in Italia, e maggiormente in salute, Lugana, riferita ad una zona di produzione che comprende territori ricadenti nelle province di Brescia e Verona ed é delimitata a nord dal lago di Garda.

Ho potuto, grazie alla disponibilità e alla perfetta organizzazione del Consorzio, ben diretto da un esperto e appassionato autentico di vini come Carlo Veronese, degustare in una mattinata qualcosa come 65 Lugana. E allora, dirà qualcuno, perché ce ne parla su Lemillebolleblog quando il Lugana è soprattutto un vino bianco fermo?

Ve ne parlo perché, come recita il disciplinare di produzione il Lugana prevede anche una produzione di vini, mi costa usare questa parola, “spumanti”, che vedono protagonista lo stresso identico “raisin du pays”, ovvero Trebbiano di Soave localmente denominato Turbiana o Trebbiano di Lugana.

E difatti, come si legge sul sito Internet consortile, “la versione Spumante, introdotta nel disciplinare di produzione a partire dal 1975, rappresenta invece, al di là dell’esiguità dei numeri produttivi, una tradizione consolidata. Si narra infatti, anzi lo racconta Camillo Pelizzari nel suo fondamentale La Lugana e il suo vino (1942), che sul finire dell’Ottocento un gruppo d’industriali della Champagne, in visita a San Martino della Battaglia, tentarono senza grande successo (a causa della scarsa produzione) d’investire sulla spumantizzazione del Lugana, volendo addirittura creare a Rivoltella una cantina per la produzione di uno spumante a metodo classico sul modello della Champagne. Oggi il Lugana Spumante è prodotto sia con il metodo Charmat o Martinotti (presa di spuma in autoclave) sia con il metodo classico (rifermentazione in bottiglia)”.

Nella mia degustazione ho potuto degustare 13 Lugana “spumante”, 4 versione Charmat e 9 metodo classico. Una verifica molto interessante. E in attesa di poter pubblicare presto tutte le note di degustazione (ovviamente alla cieca) dei vini, voglio dedicare subito uno spazio al metodo classico che, etichetta a parte, mi ha maggiormente convinto, prodotto da un’azienda di San Martino della Battaglia che francamente prima di questo assaggio, che ha compreso anche un Lugana fermo, che mi è piaciuto, non conoscevo, la Famiglia Olivini, che nasce nel 1970 e che vede tre giovani imprenditori Giorgio, Giordana e Giovanni scegliere di condividere un legame che i genitori Graziella e Giulio da anni sentono per questa terra, quella adiacente al lago di Garda, speciale.

Non so molto di questa azienda, se non che “negli ultimi anni l’azienda ha lavorato molto sulla caratterizzazione del Lugana, selezionando, dai propri vigneti più vecchi, i migliori ceppi che generano l’eccellenza di produzione dal punto di vista aromatico e di equilibrio acidico, propagando a seguito, per innesto, le gemme del prezioso materiale vegetativo e generando viti per i nuovi impianti in modo da conservare e ottimizzare il patrimonio varietale”.

Nell’ampia gamma di vini prodotti dagli Olivini, che comprende tre diverse “bollicine”, un Rosé, un Brut e un Pas Dosé, ho preferito il Lugana Brut, ottenuto da uve di Trebbiano di Lugana in purezza. Dopo una vendemmia precoce viene successivamente fermentato in bottiglia rimanendo a riposo sui lieviti per almeno 30 mesi. La tipologia Brut scelta consente di rimanere nell’ambito degli 8 grammi zucchero litro, con 6,5 di acidità totale, prerogativa naturale di ogni Lugana.

Il vino, considerando che si trattava di un Lugana metodo classico a base di Turbiana o Trebbiano di Lugana e non di Pinot noir, Chardonnay o Pinot Meunier, mi ha convinto e mi è piaciuto, colore paglierino brillante di media intensità, perlage abbastanza sottile e continuo, per il bel naso decisamente minerale, salato, nervoso con petrosità evidente e accenni di frutta secca non tostata fieno e fiori secchi e un tocco di agrumi di bella nitidezza e pulizia.

Bene anche in bocca grazie al bell’attacco vivo, incisivo e nervoso, un Brut che ha linearità, coerenza, una bel sale, una buona persistenza lunga e viva e un andamento verticale che ne suggerisce l’abbinamento come aperitivo o su antipasti freddi, anche a base degli ottimi pesci di lago.

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
17 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
benux
benux
25/09/2013 10:38

Si possono riscontrare similitudini con i metodo classico marchigiani a base di Verdicchio?

Zakk
Zakk
26/09/2013 20:45

L’unica cosa che li può accomunare è l’essere mediocre.

Franco Ziliani
26/09/2013 21:48
Reply to  Zakk

Cosi’ parlo’ il so tutto mi…ma chi crede di essere zakk?

benux
benux
27/09/2013 19:49

Spero che Zakk abbia almeno assaggiato qualche bottiglia di Garofoli o di Ubaldo Rosi riserva per aver fatto questa affermazione

Franco Ziliani
27/09/2013 22:40
Reply to  benux

Zakk pirleggia da perfetto sbruffone quei Verdicchio metodo classico che lei cita sono molto buoni

Zakk
Zakk
29/09/2013 14:28
Reply to  Franco Ziliani

Certo, se le piace il brut Olivini anche quelli ben figurano al suo palato.
Vede? Tutto torna.

Zakk
Zakk
29/09/2013 14:27
Reply to  benux

Se do un giudizio è perchè i vini li bevo.
Ribadisco la mediocrità di tanti assaggi su metodo classico base verdicchio.
A mio modo di vedere le zone italiane dove si ottengono metodo classico pregevoli sono il Trentino Alto Adige e l’Alta Langa.
Che poi ogni tanto ci sia n outsider che in un anno striscia con una versione felice, beh una rondine non a primavera.

Franco Ziliani
29/09/2013 14:30
Reply to  Zakk

Io invece guardo le etichette e non stappo… Sei proprio un pirla Zakk

Franco Ziliani
29/09/2013 14:33
Reply to  Franco Ziliani

Ma vai a quel paese Zakk! Confermo che sei proprio un gran pirla

Zakk
Zakk
29/09/2013 14:49
Reply to  Franco Ziliani

E chi ha detto che lei non beve quel che giudica?

Franco Ziliani
29/09/2013 15:49
Reply to  Zakk

Se uno interviene su questo blog dicendo che un vino di cui ho scritto positivamente fa schifo e afferma “Se do un giudizio è perchè i vini li bevo”, implicitamente vuole significare due cose: che non capisco un tubo di vino, oppure che scrivo di un vino senza averlo assaggiato.
Questo lo capiscono anche le persone normali, non i pirla assoluti come Zakk. Un autentico coniglio che getta il sasso e nasconde la mano da vile qual’é

Zakk
Zakk
06/10/2013 14:51
Reply to  Zakk

Io ho scritto che i vini di cui scrivo lo ho bevuti in risposta a benux che sperava che avessi bevuto…..
E da nessuna parte, in questo thread, ho scritto la parola “schifo”. Ziliani, non mi metta nella tastiera parole che non ho digitato.

Franco Ziliani
06/10/2013 14:57
Reply to  Zakk

lei resta il solito pirla

Zakk
Zakk
06/10/2013 19:03
Reply to  Zakk

Facile così vero?!?
E provare a rispondere nel merito invece che insultare?

Franco Ziliani
06/10/2013 19:11
Reply to  Zakk

facilissimo, perché con i pirla non si discute e ci si limita a ricordare loro quello che sono: dei pirla.

giacomo
giacomo
07/02/2015 16:00

Olivini è un ottimo metodo classico rapportato al prezzo, a me piace e dire che fa schifo è una bestemmia bella grossa.

redazione
07/02/2015 16:41
Reply to  giacomo

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE











I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

17
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x