Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Sono davvero “alternative” le “bollicine” che piacciono di più?

Pubblicato

il


La scoperta dell’acqua calda secondo un sondaggio curato da Insintesi e AIS 

Non so se e quanto i miei amici del Consorzio del Lessini Durello abbiano speso per commissionare la ricerca i cui risultati sono stati presentati lo scorso 30 ottobre a Milano. Si tratterebbe di un sondaggio on line, curato da INSINTESI nell’ultima settimana di settembre 2013, che ha coinvolto un campione di 700 esperti di vino, selezionati tra 7000 nominativi facenti parte del database AIS. Spero che la spesa sia stata modesta, perché visti i risultati, che potremmo in qualche modo definire la scoperta dell’acqua calda, anche 50 euro sarebbero stati investiti male.

Glissiamo innanzitutto elegantemente sul tema della ricerca, che già dal titolo “cosa cerca e cosa si aspetta da uno spumante moderno il consumatore evoluto” non parte molto bene, visto che si continua a parlare genericamente (cosa che in casa A.I.S. dovrebbero sapere essere profondamente errato e scarsamente significativo) di un qualcosa di indistinto come “lo spumante”, mettendo insieme prodotti tra loro profondamente differenti come metodo classico e charmat.
aislogo

Dimenticando la genericità dell’approccio si resta ugualmente di sasso leggendo, prima delle conclusioni, questa avvertenza: “Nonostante il campione non sia classificabile come probabilistico, la numerosità delle risposte e il rapporto tra il tema del sondaggio con l’esperienza del campione fa presupporre un’ottima significatività dei dati raccolti, affermazione sostenuta dal fatto che i risultati attuali si sono delineati fin dalle prime 150 interviste”. Fa presupporre, probabilistico? Ma sono risultati che dobbiamo prendere sul serio oppure con le pinze?

Quello che emerge, dai responsi di questi 700 personaggi riconducibili al mondo A.I.S., 85% sommelier diplomati o aspiranti + 15% simpatizzanti – 68% uomini + 32% donne – 54% Nord + 26% Centro + 20% Sud, è dapprima un singolare risultato, che guarda te sembra andare incontro a quanto i committenti del sondaggio, ovvero il Consorzio del Lessini Durello, propugnano, ovvero una “forte attrazione verso gli spumanti “alternativi” con “la quasi totalità degli esperti AIS” a “desiderare carte dei vini più ricche di questi prodotti, che quasi sempre ha già degustato e che circa un terzo del campione beve molto o abbastanza regolarmente”.

Detto questo, e presa debita nota del fatto che “gli esperti AIS spendono 16€ a bottiglia, per lo più in enoteca o in cantina”, si scatena un festival dell’acqua calda che nemmeno Monsieur La Palice e Massimo Catalano, il compianto filosofo di Quelli della Notte, avrebbero potuto mettere in scena.

lapide_lapalisse

Difatti leggiamo che “interrogati sullo spumante ideale, gli esperti AIS indicano un costo medio ideale di 13€ e inoltre segnalano che dovrebbe essere adatto a tutte le occasioni: soprattutto all’aperitivo, ma anche ai momenti di festa e alla cena, per alcuni gruppi anche al pranzo”. E inoltre, alla domanda su quali debbano essere le caratteristiche dello spumante ideale, i partecipanti al sondaggio ci dicono, ma guarda te, “che deve certamente essere buono, (come rimarcato da moltissimi intervistati nella risposta “libera”), e per oltre il 50% degli esperti AIS è importante è l’abbinabilità alla maggior parte dei piatti. Secondo quasi la della metà del campione, la bollicina ideale dovrebbe essere molto o abbastanza secca e facilmente reperibile.

Solo un terzo degli intervistati ritiene che sia importante la notorietà del vitigno o della zona di provenienza. Infine solo per il 10% del campione dovrebbe appartenere a una cantina nota”.

Detto questo, e sottolineando come questi ultimi due dati “confermano ulteriormente il desiderio di referenze nuove, insolite e non necessariamente già affermate”, verrebbe da chiedersi perché mai la guida dei vini realizzata in casa A.I.S., Bibenda, nel settore “bollicine” continui sempre a premiare i soliti noti, e non mostri quella curiosità e disponibilità a gustare, e celebrare quando buone, cose diverse, di cui gli associati A.I.S., utenti di Bibenda, danno prova con le risposte fornite nel sondaggio.

Scoperta_dellacqua_calda

Una cosa, sicuramente interessante, alleluia!, rivela il sondaggio, ovvero che “i risultati fanno emergere un Nord-est particolarmente attento alle bollicine: spenderebbero idealmente meno delle altre aree e le consumerebbero in ogni occasione; consumano più spumanti “alternativi” degli altri e li vorrebbero più presenti nelle carte dei vini di quanto li desiderano le altre aree. Il Sud è l’area meno attenta, mentre nel Centro e nel Nord-ovest c’è una percentuale nettamente superiore di persone che acquistano spumanti che costano più di 20€ a bottiglia”.

Quanto alla parte finale, dedicata all’identikit dell’esperto AIS, torniamo nel regno dell’ovvio, con la rivelazione che questo esperto “si informa soprattutto attraverso gli eventi, i giornali tradizionali e on line e attraverso i produttori. Quasi un terzo del campione risulta essere anche un divulgatore di informazioni sul vino, tramite la pubblicazione di articoli e le conferenze. Questa percentuale arriva fino al 40% per i professionisti”. Con tutto il rispetto per tanti amici sommelier A.I.S. l’unico commento che mi viene, in schietto dialetto meneghino, é: Offelee, fa el tò mestee

Aognunoilsuo

Ad ogni modo, nonostante l’assoluta banalità di questo rapporto, chi scrive non mancherà di essere presente, da convinto durellista antemarcia, il 22 novembre a Soave a Durello and friends, sottotitolo Bollicine native diverse per natura, una tre giorni, aperta alle 17 da un convegno intitolato “Diversi per natura, il confronto”, che metterà in rilievo la peculiarità e l’unicità del Lessini Durello e una serie di “bollicine” originali provenienti un po’ da tutta Italia.
“Bollicine” che a differenza dell’A.I.S. io mi rifiuto di chiamare genericamente e banalmente “spumanti”.

Durelloandfriends

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
10 Commenti

10 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPAZIO PROMOZIONALE







I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy