Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Notizie

Franciacorta per brindare al nuovo Sindaco di New York. Satèn e Dosage zero per il city mayor De Blasio

Pubblicato

il

BilDeBlasio

Dategli pure dei populisti ai miei amici franciacortini, accusateli di essere dei teorici del marketing emozionale ma come non essere contenti come loro e sentirla in qualche modo una piccola rivincita nei confronti di un diffuso sentimento anti-italiano, in gran parte alimentato da noi stessi italici cittadini, e gonfiare il petto di orgoglio, per la vittoria del paisà, (almeno per nonni materni, originari di Sant’Agata dei Goti nel beneventano, terra di Falanghina splendenti) Bill De Blasio, eletto trionfalmente nuovo Sindaco, anzi city mayor, di quella piccola sconosciuta città che corrisponde al nome di New York?
Non posso pertanto che riprendere e plaudire al comunicato stampa del Consorzio Franciacorta diffuso oggi che recita: “Un brindisi speciale per un incarico speciale. L’elezione di Bill De Blasio a sindaco di New York sarà suggellata da Franciacorta. Il nuovo primo cittadino della Grande Mela ha radicate origini italiane e quale miglior inizio per il suo mandato se non con un ‘cheers’ a base di Franciacorta, uno dei più prestigiosi ambasciatori del made in Italy di qualità?”.
Con queste parole Maurizio Zanella, presidente del Consorzio Franciacorta, spiega l’idea di inviare Franciacorta al nuovo sindaco di New York, Bill De Blasio, per celebrare con tutti i migliori auspici il suo nuovo incarico”. Zanella dice: “Abbiamo pensato ad un gesto semplice ma significativo per rappresentare al sindaco De Blasio la nostra stima e condividere insieme a lui la nostra passione per l’eccellenza tutta italiana di cui sia lui sia il Franciacorta sono portatori”.
E poi che male c’è nel fare un po’ di marketing territoriale in quella grande landa devo le “bollicine” bresciane cercano di tempo di trovare un loro spazio – se l’hanno trovato Prosecco e Asti non è di certo una mission impossible, e nel cogliere l’occasione di questo Italian happy moment, ricordando che “Franciacorta crede molto nelle opportunità offerte dagli Stati Uniti, da New York in particolare, ai prodotti di qualità, soprattutto made in Italy. Ecco perché da ormai tre anni siamo presenti negli USA con diverse iniziative che ci hanno consentito in un tempo relativamente breve di incrementare la nostra awareness oltre oceano”?
logoconsorzio-franciacorta-300x181

Quanto al finale, “Il sindaco De Blasio – conclude Maurizio Zanella -, ne siamo certi, saprà apportare un contributo significativo per consolidare a New York e negli Stati Uniti, la cultura della qualità espressa in modo esemplare da prodotti provenienti del nostro Paese”, prendiamolo come un auspicio che un Sindaco di origini italiani in una delle capitali economiche, culturali, dei trend di consumo e di costume nel mondo, possa offrire un contributo all’affermazione di quel miglior made in Italy di cui la Franciacorta, insieme ai gioielli del mangiare e bere bene italico, è portavoce. E simbolo. Leviamo i calici al nuovo Sindaco di New York, cheers!

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy