Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Notizie

Top Italian wine: acquistare Franciacorta on line e sul vino saperne di più

Pubblicato

il

FranciacortaTopItalianWine

Il mio “conflitto d’interessi” l’ho già dichiarato, a chiare lettere tempo fa: in questo Top Italian Wine ho a che fare e sono coinvolto. Ma solo come può esserlo un giornalista. Non sono socio di Stefano Grancini e Stefano Longo (ovvio, non mi chiamo Stefano) e non ho alcun interesse economico in questi portali e in questa società che ha da poco esordito sul mercato, abbastanza affollato e confuso, delle vendite di vino on line.

Non ho alcuna percentuale sul numero di bottiglie che si venderanno grazie ai loro primi due portali monotematici, dedicati ai Franciacorta e ai vini passiti, che pure hanno un loro esercito di silenziosi e tenaci appassionati.

La mia collaborazione con Top Italian Wine si è limitata a quello che faccio normalmente, ovvero assaggiare vini e scriverne, e raccontare di chi li produce. Per questi due portali ho pertanto, il tutto è dichiarato, visto che compaiono il mio nome e la mia firma, assaggiato degustato vini e redatto schede di degustazione e ritratti aziendali. Così come hanno fatto, in un lavoro di squadra, anche altre persone che scrivono di vino.

Perché ho accettato di collaborare a Top Italian Wine? Perché mi ha convinto Stefano Grancini quando ci siamo conosciuti quando ai primi di dicembre dello scorso è venuto a Lavagna, complice una degustazione di Brunello di Montalcino, per presentarmi il progetto.
E soprattutto perché mi piace, come dimostra anche questo post di qualche mese fa, riguardante un altro sito di vendite (di vini piemontesi) on line, l’idea di un sito Internet che non si limiti a vendere vini, ad un prezzo e a condizioni d’acquisto le più possibili convenienti per i consumatori, ma che faccia cultura del vino, che aiuti l’acquirente-lettore-appassionato di Bacco a saperne di più, che racconti i vini di cui propone l’acquisto.

Come scrivono nella loro presentazione, “Su Top Italian Wine anche i contenuti sono di qualità. In ogni negozio è presente una pagina scritta da un docente universitario che spiega le tecniche di produzione della tipologia di prodotto del negozio stesso”.

Ed inoltre “per rendere più consapevole la scelta di un’etichetta un giornalista del settore ha redatto una scheda di ogni produttore e, di ogni etichetta, una scheda con la presentazione del prodotto e le relative note di degustazione. A corredo delle descrizioni ci sono le fotografie fronte/retro della bottiglia con l’ingrandimento automatico delle etichette per poterne leggere il contenuto”.

Infine, “per rendere più coinvolgente e completa l’esperienza sensoriale su un vino, anche chi naviga sul sito può inserire il proprio commento, postandolo qui o partecipando alle discussioni sul blog. Il blog, strettamente collegato a questo portale, è stato pensato come un ulteriore servizio all’utente, dal quale attingere più informazioni e curiosità sui territori, sui produttori e sui vini, spesso poco noti, che mano a mano verranno proposti”.

TopItalianwine-box

Ecco perché mi sento tranquillamente di consigliare ai lettori di Lemillebolleblog e di Vino al vino di fare un salto su Top Italian Wine Franciacorta e su Top Italian Wine Passito.
E prima che qualche pirla, anzi fenomeno, possa pensarlo, continuerò a scrivere qui dei Franciacorta che mi garbano, senza essere condizionato in alcun modo, come non lo sono mai stato, nei miei giudizi.
Su Top Italian Wine, quando capiterà, mi limiterò invece a raccontare, in modo oggettivo, i vini che i due Stefano mi chiederanno di assaggiare. E se mi capiterà di imbattermi in un vino che non mi piace, beh, allora niente scheda.
Perché non posso scrivere che è buono, destinandolo ad un sito dove di vini ovviamente si deve parlare in positivo, perché altrimenti vendere l’è dura…, di un vino, un Franciacorta, che buono a me personalmente non appare.
Consultateli questi due portali: non sarà tempo perso, non sarà solo un consultare un catalogo con prezzi, ma anche un modo per coltivare, ragionando insieme, la cultura del bere bene.

 

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. fabry

    03/12/2013 at 21:05

    Molto carino come sito e con maggiori informazioni sul prodotto rispetto ad altri venditori on line.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy