Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Degustazioni

Pinot nero Oltrepò Pavese Cuvée Tradizione Cantine Francesco Montagna

Pubblicato

il

Denominazione: Oltrepò Pavese Docg
Metodo: classico
Uvaggio: Pinot nero
Fascia di prezzo: da 10 € a 20 €

Giudizio:
7


OltrepòPavese-giugno2013 010

Credo che questo particolare periodo dell’anno dove é il freddo umido, da pioggia a livelli quasi record, a dominare, sia particolarmente adatto, volendo bere d’inverno, come è giusto fare, perché il loro gusto è unico, “bollicine”, per puntare sui metodo classico dell’Oltrepò Pavese. Perché basati come sono sull’uva rossa Pinot nero non scontano, con la stagione fredda, quel deficit di… freschezza che tende a penalizzarli, rispetto ai vini base Chardonnay trentini e franciacortini, quando fuori fa caldo e bevendo si preferiscono vini che abbiano dinamismo, nerbo ed un potere rinfrescante.

Penso che sia il momento adatto perché la struttura di questi vini è tale da consigliarne l’abbinamento anche sui piatti che vanno per la maggiore mentre fuori il sole è un ricordo ed un bel maglione caldo è invece un must.

Lo so bene che questa scelta potrà apparire contraddittoria, considerato che più volte ho imputato ai Pinot nero in purezza oltrepadani una certa “gnuccaggine” e pesantezza, una monodimensionalità che li rende spesso, al mio palato, meno appealing dei concorrenti.

Però, come ho già scritto, proponendovi anche “champenoise” O.P. 100% Pinot nero, c’è vino e vino e sapendo scegliere anche nella terra della Bonarda si posso “pescare” vini ben fatti.

Per gli amanti della tradizione pinotnereggiante oltrepadana ho scelto un vino solido e ben fatto, senza fronzoli, inserito nella speciale linea Berté Cordini (selezione di uve e di vigneti) di una grande cantina di Broni, attiva da fine Ottocento, Francesco Montagna. Azienda dove opera, con risultati da seguire, il giovane enologo Matteo Berté, che ha fatto esperienza in Toscana e nel Nuovo Mondo prima di fare ritorno a casa e che rappresenta la dinastia più giovane di una famiglia che è proprietaria delle cantine dal 1974.

Come succede in molte grandi realtà oltrepadane la produzione (che non si capisce perché sia così vasta e ramificata) è stata distribuita su più marchi e in quello denominato Berté Cordini sono stati inseriti, dal 2006, tre metodo classico, uno denominato Cuvée della Casa, un Rosé e appunto, visto che abbiamo parlato di prodotti tradizionali, la Cuvée Tradizione, un Pinot nero in purezza non millesimato da uve provenienti da vigneti collinari allevati a spalliera e guyot su terreni calcarei argillosi, che si affina sui lieviti 24 mesi.

E’ una cuvée da abbinare non solo a primi piatti a base di pesce e da gustare sullo squisito salame oltrepadano, nonché su prosciutto e salumi vari, ma che si può tranquillamente accostare a carni bianche, perché ha la polpa, la tessitura per reggerne la struttura.

Colore paglierino brillante verdolino, perlage abbastanza fine e continuo, mostra un naso molto secco e deciso, con lieviti e crosta di pane in evidenza, fiori secchi e fieno, pompelmo e ananas. La bocca è ben secca, decisa, di buona espansione e peso, con una buona ampiezza sul palato, ed il vino convince per il suo equilibrio, una bella sapidità e un finale pulito e articolato, con una bella trama croccante.

Cantine Francesco Montagna
via Cairoli 67 Broni
tel. 0385 51028
sito Internet http://www.cantinemontagna.it/home.htm

 

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Monica Filoni

    14/07/2015 at 11:16

    Ah che bontà, veramente, un pò caro ma ne vale la pena! L’ho assaggiato in un hotel benessere alto adige alcuni giorni fa e poi a casa mia sono andata in una enoteca e l’ho trovato. Buonssimo, da non esagerare però eh?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy