Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Discussioni

Expediciones de Cava 2013: buona tenuta con un calo inferiore all’uno per cento

Pubblicato

il

ExpeditionesCava2013

Anche per il Cava, il metodo classico spagnolo che conta su 32913 ettari vitati (11.400 a Macabeo, 8200 a Xarel.lo e 7000 circa a Parellada, più altre varietà minori) e 247 bodegas elaboradores (nel 2000 erano 269) è stato un anno interlocutorio.

Le spedizioni hanno raggiunto quota 241.365 milioni di bottiglie contro le 243.232 del 2012 con un calo dello 0,77%.

L’andamento è stato diverso sui vari mercati. Nel mercato interno, con 81.438 milioni di bottiglie si è registrato un calo dello 0,47%, e restano lontane le performance del 2010, 2007 e 2006 rispettivamente con 95.641, 98.167 e 101.336 milioni di pezzi, anche se il consumo in Spagna riguarda sempre oltre il 30 per cento.

Ha sofferto di più, invece, il mercato dei Paesi U.E., che si ferma a quota 117.836 contro quota 119.666 raggiunta ne 2012, con un decremento dell’1,53%. L’unico incremento si registra nei Paesi Terzi (Stati Uniti, Giappone, Svizzera, Brasile, Canada, Argentina, Australia, Israele, Norvegia) dove con 42 milioni di bottiglie si ha un incremento dello 0,84%.

In totale il mercato estero nel 2013 raggiunge 159.927.191 di bottiglie, uno 0,92 in meno rispetto al 2012, ma con numeri in assoluto superiori a quelli raggiunti nel triennio 2011-2010-2009 e rappresenta oltre il 66% del Cava spedito.

Tra i Paesi esportatori al primo posto assoluto la Germania, con 40,2 milioni di bottiglie e una crescita del 2,10% seguita dal Regno Unito, con quasi 30 milioni e un calo considerevole del 16,76% quindi il Belgio con 27 milioni e un aumento quasi del dieci per cento, gli Stati Uniti con 17 milioni e 845 (+3,61%), quindi Giappone con 7,7 milioni. Sorprendente l’exploit della Francia, con quasi cinque milioni e mezzo di pezzi e una crescita percentuale del 9,73%.

Tra le performance negative si segnalano quelle della Svizzera (-8,40%), del Brasile (-6,51%), della Russia (-32%). Tra i risultati positivi Svezia (+6,07), Danimarca (+22,69%), Polonia, che cresce del 44% e con 756 mila bottiglie raggiunge la 18esima posizione nella classifica dei Paesi importatori, ed il decimo posto nell’ambito degli importatori europei. L’Italia cresce del 2,71% sfiorando quota 365 mila bottiglie. I dieci paesi importatori più rilevanti totalizzano l’87% dell’export.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy