Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Nuovo packaging colorato per i Franciacorta di Bellavista

Pubblicato

il

 BellavistaAlma

Beh, se l’obiettivo era di farsi notare sugli scaffali tra le tante altre bottiglie di prodotti analoghi e proporsi con una nuova immagine del tutto rinnovata, allora bisogna riconoscere che Bellavista l’ha pienamente centrato. Difficile non cogliere la novità e la differenza rappresentata dal nuovo packaging e dalle nuove etichette della gamma dei Franciacorta dell’azienda di Erbusco proprietà della famiglia Moretti.

Resta la caratteristica bottiglia simbolo inventata alla fine degli anni Settanta, ma al posto del tradizionale packaging scuro ed elegante, delle etichette dai colori neutri e classici, una veste grafica sgargiante all’insegna del colore, che non disdegna il rosa, il turchese e l’arancione.

BellavistaPasOperèazzurro

A volere questo cambiamento radicale è stata Francesca Moretti (figlia del patron Vittorio) oggi alla testa di Bellavista, che ha affidato al francese Thierry Consigny, responsabile dell’agenzia Saltimbanque, il difficile incarico di cambiare senza stravolgere, portando, questo il claim dell’operazione, “New air on wine”, aria nuova, nell’immagine Bellavista soprattutto ad appannaggio di un pubblico giovane che non mancherà di apprezzare le nuove etichette ed il packaging dei cofanetti che ospitano le singole tipologie di Franciacorta.

E così come potete vedere dalle immagini che corredano questo post, colore grigio perla per il Satèn, rosa per il rosé, turchese per il Pas operé, bianco per il Nectar demi-sec, nero, ma con scritte arancioni, per il Brut, arancione per la cuvée Brut Alma.

Bellavistatrisbottiglie

Indubbiamente si tratta di un rinnovamento radicale per l’immagine di una delle aziende storiche e di maggiore importanza della Franciacorta e per alcuni magari ci vorrà un po’ di tempo per abituarsi a questo habillage, che riguarda non solo le piccole etichette ma le capsule, in alcuni casi sgargiante.

Ma con oltre centocinque aziende tutte arrembanti e intraprendenti sul mercato, anzi sui mercati, visto che Franciacorta conta di farsi conoscere sempre di più fuori d’Italia, nemmeno i primi della classe possono permettersi di dormire sugli allori e considerarsi arrivati e quindi anche un cambio d’immagine, una botta di colore, un modo, comunque elegante, di farsi notare, ha il suo perché. E porterà sicuramente buoni risultati.

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Cristianmark

    25/05/2014 at 17:05

    Pack strepitoso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy