Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Notizie

Continua la discussione sulla collaborazione tra i protagonisti del metodo classico italiano

Pubblicato

il

Pupitresmetodoclassico

Un produttore trentino dice la sua

Signor Ziliani, anche in Trentino abbiamo seguito con interesse gli articoli del suo blog favorevoli ad un’apertura di dialogo tra i vari protagonisti del metodo classico italiano. Ci sono sembrati ispirati da una certa dose di buon senso e di realismo, e tanti tra noi produttori penso siano teoricamente d’accordo, ma alla fine, ovviamente per motivi diversi, dobbiamo condividere lo scetticismo espresso dal produttore della zona bresciana nel suo intervento.

Se da loro è pesante far digerire l’idea di una collaborazione con noi del Trento Doc, anche da noi pensare di relazionarci con gli “industriali bresciani” convertiti al vino è davvero complicato. E questo non perché siamo condizionati nel nostro modo di pensare da un orgoglio campanilistico o dall’idea di essere così bravi da non aver bisogno di nessuno (beh, un’alta considerazione del nostro lavoro non ci manca di certo e per parecchi Trento non temiamo confronti con nessuno), ma semplicemente perché negli anni tra Trento e Franciacorta si è creata una rivalità così accesa (e non priva di rancori e antipatie) da rendere il semplice fatto di sedersi attorno ad un tavolo (con i colleghi dell’Oltrepò e dell’Alta Langa ed eventualmente dell’Alto Adige) molto problematico.

Il collega della provincia di Brescia ha scritto che a casa loro vedono il Trentino “come sinonimo di una grande azienda che produce più della metà dei vini della denominazione presentati il più delle volte come “spumanti” e non come Trento Doc come testimonia la grande scritta presente sulla facciata aziendale”.

logofranciacortaTrentoDoc

Verissimo, noi abbiamo le Cantine Ferrari di Trento, di cui siamo orgogliosi e che hanno fatto conoscere il metodo classico italiano un po’ ovunque e in Franciacorta hanno, pari dimensioni se non superiori, la Guido Berlucchi, che fino a pochi anni fa produceva milioni di bottiglie di VSQ anche con vino trentino, prima di convertire l’intera produzione a Franciacorta Docg.

E allora, che problema c’è ad avere in ognuna delle due denominazioni un’azienda che produce dai 4 ai 5 milioni di bottiglie? E prima che qualcuno salti su ad accusarci di avere mega cantine cooperative come Cavit e Mezzacorona, che peraltro producono quantitativi di metodo classico risibili rispetto alle loro dimensioni, noi potremmo ricordare che in Franciacorta ci sono almeno un paio di altre aziende che superano agevolmente il milione di pezzi e parecchie altre, cosa che non trova equivalente in Trentino, perché Cesarini Sforza con ogni probabilità produce più Charmat che metodo classico, poste nella fascia che va dai duecentomila ai cinquecentomila pezzi.

trentodoc-remuage-italiano

Con questo non mi sogno certo, come fa qualche supporter trentino un po’ acceso, di dare ai franciacortini dei “tondinari” , ma è innegabile che il numero di aziende produttrici di centinaia di migliaia di bottiglie è maggiore in Franciacorta che in Trentino, dove molti della quarantina di soggetti produttivi (contro gli oltre cento della zona bresciana) producono metodo classico davvero in piccoli numeri. Ma eccellenti.

Inoltre, se proprio la vogliamo dire tutta, anche se il termine “spumante di montagna” o “bollicine di montagna” che appare sul sito Internet del Trento Doc è un po’ eccessivo, perché solo una parte dei Trento Doc provengono davvero da vigneti di montagna, e spesso questa prerogativa consente loro di avere una finezza e una freschezza straordinarie, non penso proprio che in Franciacorta possano mai sognarsi di usare una definizione del genere, visto che larghissima parte dei vigneti sono in pianura (una parte addirittura a bordo autostrada, ben visibile prima del casello di Rovato) e una parte sola in collina. Tanto per dire le cose come stanno.

Ci sono poi altri elementi, che definirei legati al modo di ragionare e alle diversa struttura politica economica sociale delle due zone, che rendono molto complessa un’eventuale collaborazione ed il relativo stanziamento di fondi necessari, se si intende mettere in cantiere un’iniziativa comune.
logoconsorzio-franciacorta-300x181

In Franciacorta credo sia sufficiente una votazione dell’assemblea dei soci del Consorzio per decidere in tal senso (e altrettanto credo in Oltrepò Pavese e nel caso dell’Alta Langa). Da noi, anche se esiste un Istituto del Trento Doc, entrano in gioco altri enti e Consorzi e una decisione diventa molto più intricata e coinvolge motivazioni non solo di ordine pratico, ma di carattere politico.

Ecco perché, aggiunto poi l’ostacolo non da poco rappresentato da reciproche diffidenze, gelosie, antipatie esistenti tra svariati personaggi delle due principali denominazioni del metodo classico italiano, credo che la sua proposta, che lei come giornalista indipendente ha fatto bene a lanciare, ma che nessuno di quelli che dovrebbe rispondere evidentemente ha intenzione di raccogliere, resterà lettera morta. Una bella idea. Troppo bella e ragionevole per diventare realtà….

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
2 Commenti

2 Commenti

  1. Nicola

    17/06/2014 at 09:50

    Lascio poi pensare al lettore, come dovessero stare in viaggio quelle povere bestie, così legate e tenute per le zampe, a capo all’in giù, nella mano d’un uomo il quale, agitato da tante passioni, accompagnava col gesto i pensieri che gli passavan a tumulto per la mente. Ora stendeva il braccio per collera, ora l’alzava per disperazione, ora lo dibatteva in aria, come per minaccia, e, in tutti i modi, dava loro di fiere scosse, e faceva balzare quelle quattro teste spenzolate; le quali intanto s’ingegnavano a beccarsi l’una con l’altra, come accade troppo sovente tra compagni di sventura.

  2. Federica

    17/06/2014 at 11:33

    Buongiorno a tutti, sono una studentessa poco esperta di vini, ma con tanta voglia di iniziare a capire qualche cosa in più su questo mondo fantastico qual è quello dei vini spumanti (DOC e DOCG) d’Italia. Da attenta consumatrice di molti tra i maggiori e minori produttori di vini spumanti mi rendo conto che questo è un mondo in cui i produttori sono sempre pronti a prendersi a gomitate e troppo spesso lasciano noi consumatori in balia della bottiglia con etichette e packaging innovativi, ma che alla fine con possiedono quelle informazioni concrete che molti di noi sono alla ricerca… Ci si può informare su internet, ok…ma alla fine io preferirei toccare con mano quello di cui sono alla ricerca…proprio attraverso le etichette potreste comunicarci molte più informazioni sul prodotto e come consumarlo. Il metodo Classico, quello inventato da Carlo Gancia, dovrebbe unirvi in una qualche realtà associativa italiana che lo tuteli e lo esporti nel mondo e con essa spiegarci le caratteristiche dei vari prodotti e come e perchè è meglio spendere 5/10/15 euro in più rispetto ad un Martinotti. Il valore aggiunto quello che circola tra le voci di corridoi delle aziende dov’è? L’Alta Langa, Franciacorta, Trento, ecc…unitevi anche voi per portare il nome dell’italia e delle vostre produzioni all’estero e fare della qualità metodo classico italiana un’altra eccellenza conosciuta e apprezzata! L’unione non fa in fondo la forza? E qui in Italia, aiutateci ad apprezzarvi e conoscervi…anche tutti insieme! Tanto alla fine è il palato di ognuno di noi che sceglierà il prodotto e non di certo le vostre gomitate…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy