Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Notizie

Prossimamente nei vostri bicchieri: in arrivo il Crémant de Savoie

Pubblicato

il

VinsdeSavoie

Dalle uve delle vendemmia 2014 vini in vendita a fine 2015 

Novità interessante per gli appassionati dei metodo classico francesi che si presentano al pubblico con il nome collettivo di Crémant. Dopo i sette Crémant già esistenti, Alsace, Bourgogne, Bordeaux, Loire, Limoux, Jura e Die, è in arrivo, basterà attendere un anno e mezzo almeno, l’ottavo, il Crémant de Savoie.

Nei giorni scorsi si è avuta difatti la notizia che a cinque anni dalla presentazione del dossier che chiedeva l’istituzione di questa nuova AOC, l’Inao e l’Unione Europea, hanno dato semaforo verde. Dalla vendemmia 2014 i produttori della Savoie potranno ricavare uve che consentano loro l’elaborazione di Crémants che non potranno essere commercializzati prima della fine del 2015.

Come si capisce facilmente, con regole di produzione che prevedono un minimo di 12 mesi di permanenza sui lieviti, si punta ad ottenere dei vini di pronto consumo e di non particolare complessità.

Nella regione alpina della Savoie che conta su tre AOC, 20 denominazioni geografiche e 23 vitigni diversi, ci sono 2000 ettari vitati, per una produzione di 16 milioni di bottiglie, 70% delle quali rappresentate da vino bianco (un 4% costituito da mousseux) e quella del Crémant de Savoie sembra rappresentare una possibilità interessante sia per il mercato interno che per i mercati esteri.

Come saranno questi Crémant savoiardi è difficile immaginarlo per ora. Sicuramente avranno un carattere molto personale e se così si può dire regionale, visto che il disciplinare di produzione prevede che il 60% della cuvée sia composta da uve locali Jacquère e Altesse (10% dell’estensione totale), con la prima (l’uva più diffusa, occupa il 50% del vigneto) presente almeno al 40%. Il resto della cuvée verrà da uve Chasselas (oggi presente per un 5% del vigneto della Savoie), Aligoté e Chardonnay. Che dire allora se non che chi vivrà berrà (il Crémant de Savoie…)?

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy