Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Puglia e spumanti: il punto di vista dell’Assessore Fabrizio Nardoni

Pubblicato

il

FabrizioNardoni

A seguito del mio articolo di qualche giorno fa intitolato Ma la Puglia ha davvero bisogno di produrre spumanti? ricevo dall’Assessore alle risorse agroalimentari della Regione Puglia, Fabrizio Nardoni questa precisazione che pubblico con grande piacere, convinto che parlandosi, confrontandosi con civiltà, si potrà sempre trovare un punto di incontro e la possibilità di dialogare serenamente. Nell’interesse, istituzionale e umano nel caso dell’Assessore e professionale da parte mia, che da oltre vent’anni mi occupo dell’amata (senza virgolette, lo è davvero) Puglia e dei suoi vini, della loro conoscenza e promozione. Ai quali penso di aver offerto un contributo che è davvero difficile negare e che tanti produttori, ormai diventati amici, mi riconoscono…

Ringrazio l’Assessore per il suo intervento e al piacere di nuovamente incontrarlo presto nella sua terra, auguro buona lettura.

Carissimo Ziliani, leggo sempre con molto piacere gli articoli riportati dal suo blog e dei suoi sentimenti verso l'”amata” Puglia.

Per tale ragione, malgrado un piccolo ritardo dettato più altro da una serie di emergenze che siamo costretti ad affrontare di recente (vedi emergenza Xylella in Salento) ho il piacere di replicare al suo rispettosissimo articolo sul Bando spumantizzazione in Puglia dello scorso 2 ottobre dal titolo “Ma La Puglia ha davvero bisogno di produrre “spumanti”?

La Puglia vitivinicola da sempre è stata caratterizzata, grazie alla sua orografia e al microclima delle differenti aree viticole, dalla presenza di un enorme patrimonio varietale che nei secoli si è naturalmente adattato alla nostra terra. Una terra che, grazie anche alla sapienza e alla maestria dei nostri viticoltori ed enologi, riesce ad offrire vini strutturati, dalle complesse note aromatiche e da differenti caratteristiche qualitative.

In sintesi la mia Terra è un incubatore di qualità per tutte le varietà attualmente ammesse alla coltivazione per i diversi bacini viticoli pugliesi.

Puglia-regionevini

Il lavoro svolto sino ad ora dai viticoltori, dai tecnici e dalle istituzioni hanno portato certamente ad identificare la Puglia come la Terra del Primitivo, del Negroamaro, dell’Uva di Troia. Accanto a questi tre vitigni principali, che caratterizzano i tre diversi bacini viticoli pugliesi (Capitanata, Murgia Centrale, Arco Jonico –  Salentino) vi sono molte varietà autoctone e non, che rafforzano il primato di una delle più importanti regioni viticole italiane.

Ogni anno i nostri vini si affermano sempre più sui mercati nazionali ed esteri ed, insieme con il  prodotto enoico, si impongo all’attenzione di un pubblico sempre più vasto i saperi, la storia e le tradizioni socio – enogastronomiche di  una meravigliosa ed inimitabile regione viticola.

Ebbene la Puglia, oggi, può proporsi anche come produttrice di spumanti e di vini frizzanti. Regione poliedrica, per la caratteristiche pedoclimatiche e per le specialità varietali che coltiva, nel prossimo futuro potrà vantare anche la produzione di vini con le bollicine dai piacevolissimi profili aromatici complessi  e dal sapore equilibrato. Vitigni come Bombino bianco, il Bombino nero, il Negroamaro, la Verdeca, sono senz’altro adatti ad essere impiegati  per la produzione di spumanti di qualità con caratteristiche peculiari proprie, senza, quindi, tentare di “imitare” i pregevoli prodotti che caratterizzano altre importanti zone viticole italiane.

capasoni

Certo la Puglia non ha una tradizione spumantistica come è riscontrabile in altre regioni italiane ma questo non vuol dire che non abbia le potenzialità, le tipologie varietali,  la capacita produttiva e le competenze tecniche per provare a competere anche in un settore enoico che potrebbe rivelarsi foriero di lusinghieri successi. Se è d’obbligo il condizionale per l’evoluzione di uno scenario ancora in fase embrionale, è inconfutabile però il fatto che l’esperienza più che positiva realizzata in Capitanata – come peraltro sottolineato da Ziliani – costituisce un precedente storico affermato e assai incoraggiante.

Daraprì
Né è poi possibile ignorare che una della più significative specialità enoiche della Puglia è la vinificazione in rosato – è ancora Ziliani a evidenziarne l’eccellenza delle produzioni –, rosato che si presta molto bene anche alla spumantizzazione.

Un progetto regionale ambizioso è quello di valorizzare ulteriormente la produzione dei vini rosati pugliesi incrementando certamente la tipologia “bollicine” che incontra il convincente favore del pubblico nazionale e internazionale.

La crescente richiesta di spumante da parte del mercato, inoltre, ha consigliato molti produttori pugliesi – ma anche di altre regioni d’Italia – a inserire nelle proprie offerta al pubblico questa tipologia di vino. Non essendoci, attualmente, sufficienti impianti di spumantizzazione in Puglia, i nostri produttori, quindi, sono costretti a rivolgersi altrove sopportandone conseguentemente i costi.  Perché, dunque, non provare a dotare le nostre cantine di strutture tecnologicamente avanzate per la produzione di spumanti ?

Puglia

Bisogna puntare sulla caratterizzazione della nostra viti-enologia, sul sistema di interazione vitigno – territorio e sull’esaltazione delle peculiarità che ogni varietà è capace di esprimere in campo ed in cantina, puntando principalmente sui vitigni autoctoni pugliesi.

In un nuovo contesto normativo che non consente più ai nostri produttori di uve ad Indicazione di Origine Protetta di poter effettuare la presa di spuma fuori dal territorio delimitato dal proprio disciplinare di produzione, con la pubblicazione del bando pubblico per la realizzazione di impianti di spumantizzazione e frizzantatura, abbiamo voluto offrire alle nostre cantine la possibilità di valorizzare e di diversificare le produzioni per rendere ancora più competitiva ed unica la produzione enoica pugliese.

La ringrazio comunque per l’attenzione da sempre riservata alle produzioni di eccellenza della nostra regione e come al solito la invito a tornare in Puglia e a brindare perché no al frizzante comparto vitivinicolo di questa terra con un buon bicchiere di spumante!

Cordialmente

Fabrizio Nardoni

_____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Vino al vino
www.vinoalvino.org
e il Cucchiaio d’argento!

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy