Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

La bocca della verità

Franciacorta official Sparkling wine dell’Expo 2015

Pubblicato

il

Franciacortalogo_EXPO

L’altro competitor sono state le Cantine Ferrari, non l’Istituto Trento Doc: warum, why?

La notizia, in pillole, non è che il Consorzio Franciacorta, offrendo “un contributo cash di 380.000 euro e 80.000 euro in vino” abbia vinto “l’appalto”, la gara con una concorrenza peraltro non particolarmente agguerrita, e sarà l’Official Sparkling Wine dell’Esposizione Universale, della mirabolante (si spera) Expo 2015 e che come ha detto “il Commissario Expo, Giuseppe Sala, in una simpatica conferenza stampa ieri a Milanoche non ci saranno più gare per altri vini”.

FranciacortaExpo 029

La vera notizia, poi degli altri aspetti e risvolti di questo importante accordo parleremo domani, ora vado di corsa, è che non ci siano stati altri consorzi italiani del vino a “picchiarsi” per contendere questa ambita (?) partnership tra Franciacorta ed Expo Milano 2015. Perché a “sfidare” l’agguerrito Consorzio vinicolo bresà è stato un unico competitor, un privato e non un consorzio, ovvero le Cantine Ferrari di Trento, che il commissario Sala ha ringraziato per averci provato.

La riflessione che vi propongo à la volée è questa: ma perché a provare a “sbarrare la strada” a quel carro armato del Consorzio non è stato l’Istituto Trento Doc (che comunque produce qualcosa come 7 milioni di bottiglie, anche se gli otto milioni di baionette sono diventate sette), bensì l’azionista di maggioranza dello stesso, ovvero Ferrari?

OrgoglioIta

Ma perdiana, o quelli della Franciacorta sono dei pazzi, che sperperano 460 mila euro per essere l’Official Sparkling Wine di Expo 2015, (ma io credo invece che abbiano fatto molto bene i loro conti e analizzato costi e ricavi, e individuato una netta maggioranza dei pro su eventuali contro…), oppure quelli del Trento Doc preferiscono, al di là delle belle parole, continuare a coltivare l’orto di casa, con le bollicine “di montagna” molte delle quali fatte in pianura o bassa collina, e di tentare la grande strada dell’export non si sognano nemmeno.
SpumanteFerrariTrentoDoc

A questo ci pensano, e sono bravissimi, i cugini Lunelli, ma peccato che non abbiano contagiato con questa fiducia i trentodocchisti, e non abbiano pensato a proporre il Trento Doc come alternativa­ – in chiave Expo 2015 – al Franciacorta Docg. O cavoli: vuoi vedere che c’é un osceno “patto del Nazareno”, enoico e bollicinaro, dietro a questa rinuncia dei metodoclassicisti trentini?

________________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Vino al vino
www.vinoalvino.org e il Cucchiaio d’argento!

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

SPAZIO PROMOZIONALE







I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy