Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Champagne che passione!

Cyril Brun nuovo Chef de cave di Charles Heidsieck : bon travail Cyril !

Pubblicato

il

CyrlBrun
Aveva colpito tutti tantissimo, anche me che ero stato in visita alla magnifica Maison de Reims pochi giorni dopo l’accaduto – qui il racconto del mio tasting – la notizia horribilis dell’improvvisa morte, a soli 54 anni, del grande Thierry Roset, chef de cave della Charles Heidsieck. E ricordo bene il clima luttuoso che si respirava, in quella visita che pure fu esaltante (per me e per i colleghi esteri che mi accompagnavano e per l’amico Domenico Avolio, responsabile del Bureau du Champagne Italia mio compagno di avventura) lo scorso 16 ottobre.

Thierry Roset aveva lavorato 25 anni presso la Maison “dove era ‘cresciuto’ insieme a Regis Camus sotto l’ala protettrice di Daniel Thibault e successivamente era diventato assistente del primo, salvo poi diventare chef de cave di Charles Heidsieck nell’aprile del 2012”. E Roset aveva partecipato alla realizzazione di quelle cuvée miracolo, che degustate ancora oggi fanno toccare il cielo con un dito e ringraziare gli dei di non essere nato astemio, quali Blanc des Millénaires 1985 e lo Champagne Charlie 1985. Roset aveva in precedenza lavorato per Moet & Chandon e Louis Roederer.

Sostituirlo, dopo la sua prematura scomparsa, rappresentava un vero problema ma oggi, come racconta in una news on line l’ottimo sito britannico The Drink Business, la soluzione, brillante, è stata trovata. Dal 25 l’erede di Roset e nuovo Chef de cave della meravigliosa Maison Charles Heidsieck, sarà Cyril Brun, che ha lavorato nel team di Régis Camus alla Piper-Heidsieck ed è stato collaboratore di Stephen Leroux alla Charles Heidsieck. Brun attualmente opera con Dominique Demarville alla Veuve Clicquot e, nativo di Aÿ, discende da una storica famiglia di viticoltori, négociant e tonnellier champenois ed è laureato in enologia.

Il commento di Cécile Bonnefond, la grande donna amministratrice delegato di Charles Heidsieck è eloquente: “dopo la tragica morte di Thierry Roset nell’ottobre 2014 siamo lieti di dare il benvenuto a Cyril come chef de caves. Con la sua esperienza e passione Cyril sarà in grado di proseguire l’eccezionale lavoro realizzato dai suoi predecessori”. Un commento che è storia di vita, esempio di uno stile, unico, inimitabile, denominato Champagne. Chapeau Mesdames et Messieurs!

Chapeau

________________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Vino al vino
www.vinoalvino.org e il Cucchiaio d’argento!

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy