Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Discussioni

Metodo classico italiani che escono troppo presto per non perdere il Natale

Pubblicato

il

Ma è più importante la qualità o il business di fine anno?

E’ sabato sera, ho cenato e piacevolmente finito una bouteille de Champagne aperta due giorni fa (la prova dei due vecchi Dolcetto 1990 e 1997 che ho annunciato su Facebook l’ho rimandata a domani..) e prima di mettermi a lavare i piatti, spegnere il computer e dedicarmi alla lettura de:

  1. a) Il Foglio supplemento cultura del sabato
  2. b) Partition. Chronique de la sécession islamiste en France di Alexandre Mendel, libro forte e terribile di cui vi consiglio assolutamente un’attenta lettura,

mi pongo ancora un interrogativo bollicinaro, che giro anche a voi.

Ultimamente ho provato almeno quattro metodo classico italiani, di diverse zone che sono usciti tra ottobre e pochi giorni orsono.

Quattro bottiglie che il buon senso e una considerazione puramente tecnica avrebbe indotto a decidere di commercializzare almeno tra qualche mese. Perché i vini o erano freschissimi di sboccatura o avevano ancora bisogno di bottiglia, o erano squilibrati, scomposti, privi di armonia. Vini ancora non equilibrati, lontani da un’accettabile armonia. Vini incompiuti. Vini a metà. Vini di cui non mi sento di scrivere, a parte quello cui faccio riferimento più oltre, perché dovrei essere troppo negativo…

Una delle aziende che ha fatto l’errore di uscire ora e di non sapere aspettare é uno dei marchi più celebri e prestigiosi del metodo classico tutto. Eppure sono solo poche migliaia di bottiglie, non avrebbero modificato i bilanci aziendali.

Un’altra, provata ieri sera, era della stessa denominazione, una era targata Oltrepò Pavese e l’ultima era di un’altra zona che non ricordo…

La domanda é: perché in queste aziende, visto che non vogliono perdere l’occasione dell’uscita prima di Natale, non riescono a programmare bene i tempi di lavorazione e di maturazione? Eppure hanno staff tecnici da paura…

L’interrogativo, inevitabile, dunque é: ma cos’é più importante, uscire con un metodo classico millesimato che sia non dico al culmine ma almeno al meglio delle proprie possibilità espressive e potenzialità, oppure é più importante non perdersi il cliente danaroso che fa regali importanti per Natale?

E’ più importante la qualità, la qualità percepita, o il business?

Una cosa è certa: errori e ingenuità del genere in Champagne non ne fanno e quando escono le nouvelle cuvées, i nouveaux millésimes mostrano già un livello di piacevolezza, un equilibrio, da lasciare sans mots…

Nell’Italia delle bollicine metodo classico invece… Perché, parafrasando Aldomovar e un suo celebre film, dobbiamo trovarci di fronte a metodo classico italici sull’orlo di una crisi di nervi?

Attenzione!:

non dimenticate di leggere anche

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/

e Franco Ziliani blog http://www.francoziliani.blog/

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Chicco

    18/12/2017 at 12:44

    Sig.Ziliani, quando parla di vino e problematiche relativo al quel fantastico mondo, Lei è insuperabile. Continui così!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy