Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Champagne che passione!

Il Corriere della Sera on line scrive di Champagne e lo fa male

Pubblicato

il

Tra banalità, disinformazione e pressapochismo

Anche oggi il potente Curierun, il Corriere della Sera, non fa certo una gran bella figura con un articolo dove si parla di “bollicine”, o meglio, di Champagne. Solo un compitino scolastico, e non immune da errori.

Scopriamo così che secondo il Corriere Cucina edizione on line, leggete qui, potrebbe accadere una cosa che invece praticamente non accade. “Se leggete cuvée de prestige sulla bottiglia”, perché le cuvées de prestige non si presentano quasi mai in etichetta in questo modo, ma con il nome della cuvée (Clos de Goisses, Plénitude Deuxième, Rare, Clos d’Ambonnay, Clos du Mesnil, Blanc des Millénaires, Vieilles Vignes, Cuvée Sir Winston Churchill, Comtes de Champagne, N.P.U. ecc.) che il Millésimé per il Corriere perde l’accento ed é Millesime tout court…

E che lo Champagne Rosé, “non è molto diffuso e amato dal grande pubblico”. E, secondo il Corriere cucina, sarebbe “perfetto l’abbinamento con un’insalata di salmone o delle ostriche per la sua acidità”. Abbinamento delle ostriche con il Rosé? Ma chi ve l’ha detto, Babbo Natale?

Ricevuta l’informazione corrieresca di non essere amati dal grande pubblico, straordinari Champagne Rosé come Amour de Deutz, Cuvée Elisabeth-Salmon, Rare, Cuvée Alexandra, Dom Ruinart Rosé, Oeil de Perdrix, Dizy Terres Rouges, tra gli altri, ringraziano…

E verrebbe da chiedersi, e lo chiediamo al Corriere cucina e ai suoi esperti, se questa tipologia non è amata “dal grande pubblico” perché mai aumentano ogni anno il numero di bottiglie di Champagne Rosé prodotte? E perché, esperti del Corriere della Sera informatevi, in tutto il mondo aumenta la domanda di vini rosati, fermi e con le bollicine come lo Champagne?

E se il grande pubblico non ama lo Champagne Rosé perché mai le vendite di Champagne Rosé sono raddoppiate? E, ancora: perché Le Monde, non la Gazzetta di Roccacannuccia, lo scorso anno intitolava un articolo Champagne: la vogue rosés? Volete che vi indichi altri articoli come questo, oppure questo o questo per aiutarvi a scoprire che lo Champagne Rosé piace sempre di più?

E che anche in Italia, vi informo prima che scriviate altre inesattezze (eufemismo), la produzione dei vari metodo classico della tipologia Rosé vede numeri in deciso aumento?

Pensateci la prossima volta: per evitare sciocchezze basta solo fare un giro con Google su Internet, non è difficile…
Oh Corriere, Corriere, perché accontentarsi di un’informazione sul vino così banale e lacunosa?

Attenzione!:

non dimenticate di leggere anche

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/

e Franco Ziliani blog http://www.francoziliani.blog/

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy