Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

La bocca della verità

Cuvée Prestige del decennale: almeno l’etichetta non è male…

Pubblicato

il

Ieri sera, non perché l’abbia scelta io, ma a cena da amici ne hanno stappato alcune bottiglie, mi è capitato di bere, la celebre Cuvée Prestige di una nota casa vinicola di Erbusco, le “bollicine”  della zona spumantistica bresciana che piacciono a chi di metodo classico non capisce granché (eufemismo).
Beh, che dire, nella speciale edizione che celebra il decennale di questa cuvée di gran successo, commerciale e d’immagine, l’etichetta é bella ed il vino é davvero “trasparenza“, direi quasi impalpabilità, ma tutt’altro che sublime. Direi invece molto semplice, elementare, scopertamente facile, direi quasi banale.

Questo vino mi ha fatto pensare allo psicanalista e sociologo tedesco Erich Fromm e al suo celebre saggio Avere o essere? E, più prosaicamente, “che an sé à Bresa”, al detto “tanto fumo e poco arrosto”.

Qui di “fumo” ce n’è molto: una bella presentazione e apparenza, un nome altisonante, Prestige, che fa pensare a privilegi, a qualità stratosferiche, a status symbol, ad una magica ammissione in un’universo dove, per dirla con Baudelaire, “Là, tout n’est qu’ordre et beauté, Luxe, calme et volupté“…

Ma di sostanza, ovvero di qualità, oggettiva, riconoscibile e percepibile da chi di metodo classico davvero ne mastica e ne capisce, io non ne trovo molta… Intendiamoci: ognuno ha diritto ai propri gusti e gode come può, ma qui di voluttà e di eno-libidine, IMHO, una traccia sottile e quasi impercettibile, e l’apparire prevale nettamente sull’essere, e la rappresentazione, abile, indubbiamente molto abile, sull’essenza del qualitativamente incontestabile e sulla realtà.

Ah già, dimenticavo: mi fanno notare che tra sei giorni é Natale e forse dovrei essere più buono e comprensivo. Forse dovrei evitare di mettere il dito nella piaga…
Forse…

Attenzione!:

non dimenticate di leggere anche

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/

e Franco Ziliani blog http://www.francoziliani.blog/

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
2 Commenti

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPAZIO PROMOZIONALE







I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy