Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa
My Wine Notes

Per la precisione...

Come diceva Andreotti: a pensar male si fa peccato ma quasi sempre si indovina

Pubblicato

il

A proposito di due articoli “celebrativi” su una nota azienda spumantistica bresciana

Rientrato da quattro giorni in Languedoc, per una verticale da urlo a Mas de Daumas Gassac e poi a Montpellier per Vinisud, giornate nel corso delle quali quando con i francesi ed i colleghi stranieri il discorso cadeva sui vini italiani si finiva a parlare solo di Barolo, Brunello di Montalcino, vini del Sud e… Prosecco, non di metodo classico made in Italy, mi sembra triste e provinciale finire a parlare di una certa zona spumantistica bresciana.

Però mi tocca farlo per completezza dell’informazione e perché io che non ho mai votato D.C. nella mia vita sono convinto che Andreotti, malefatte a parte, avesse un’intelligenza niente male. Ma cosa c’entra Andreotti con le bollicine made in Erbusco e dintorni? C’entra eccome.

Perché va bene un articolo molto elogiativo, leggetelo qui, di un sito Internet serio, il più importante tra quelli (non molti) che in Italia si occupano di Champagne come Le mie bollicine di Alberto Lupetti, editore di una fondamentale guida degli Champagne, soprattutto se a degustare insieme a Lupetti e a scrivere è una persona veramente preparata (oltre che affascinante) come Vania Valentini, ma quando scopro che il giorno immediatamente successivo, cioè ieri, sempre dedicato alla stessa nota azienda della zona spumantistica bresciana, quella che produce la tanto discussa cuvée Prestige, esce un altro articolo, allora comincio a pensare…

Soprattutto se la testata on line che l’ha pubblicato e l’autore del pezzo sono sempre stati molto “teneri” nei confronti dell’azienda erbuschese e del suo personaggio simbolo, e all’articolo, leggetelo qui, manca solo un sottofondo di tutti gli archi dei Wiener o Berliner Philamoniker per essere una sviolinata di quelle memorabili…

Allora conoscendo bene le capacità di fare marketing, glamour marketing, e comunicazione dell’azienda in oggetto, nell’orbita di un potente colosso come Santa Margherita, allora mi è venuto spontaneo pensare ad Andreotti quando il politico democristiano asseriva che “a pensar male si fa peccato ma quasi sempre ci si indovina”…

Niente da dire, saper fare “marketing della comunicazione” è una delle regole del successo e in quell’azienda di Erbusco il marketing lo conoscono bene e sanno intrattenere ottimi rapporti con i giornalisti (almeno finché cantano in coro le lodi della grandezza dell’azienda, finché sono funzionali o “produttivi”alla sua rappresentazione esterna in termini di prestig..io e di immagine elevata).

Fanno bene a tenersi buona la stampa italiana. Perché poi, nonostante pensino di poter conquistare non solo mercati alla loro portata come il Giappone, la Svizzera, la Germania, e spendono e fanno spendere molti soldi alle aziende associate al Consorzio che li rappresenta per tentare l’improbabile conquista di mercati come quello britannico e quello americano (scenari dove pochi soggetti si ritagliano piccole fettine, più d’immagine che di sostanza, e dove vendono, pardon, provano a vendere, a prezzi analoghi a quelli di molti validi Champagne…), alle prova dei fatti la considerazione della loro zona si dimostra non altissima.

Ultima dimostrazione, vedere le pagine qui riprodotte, dedicate alla zona spumantistica bresciana (e alla mediatica azienda Prestige-iosa) nell’ottimo libro, appena uscito, dedicato ai rosé wines of the world, vini fermi e con le bollicine, dall’amica e collega wine writer inglese Elizabeth Gabay, Master of wine (lei, non io…) Rosé: understanding the pink wine revolution. E che spazio avevano avuto su Rosé all day di Katherine Cole ? E su Rosé wine : the guide to Drinking pink di Jennifer Simonetti-Bryan?

Ma come, la zona spumantistica bresciana, come dice qualche tondinaro dopo aver bevuto troppe bollicine indigene, non era la risposta italiana, pardon, bresà, alla Champagne? Ma mi faccia il piacere!

Attenzione!:

non dimenticate di leggere anche

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/

e Franco Ziliani blog http://www.francoziliani.blog/

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Orst

    21/02/2018 at 16:36

    l’articolo su lemiebollicine è ben scritto e avvincente.
    Peccato che della cuvée prestige vedremo solo la versione dosata, non degorgiata alla volé alla bisogna e accessibile a tutti.
    I punteggi riservati alle “vecchie annate” sono davvero alti.
    Un conto poi è la cuvée prestige(grande presa di denaro al prezzo a cui la vendono, visti gli 0.5-1€ totali di uva in bottiglia), un altro le cuvée di punta, sia in termini di prezzo che di qualità.
    Poi, penso anche io che il paragone champagne-spumanti italiani sia un punto di arrivo inevitabile…
    I “base” di diversi produttori della zona spumantistica bresciana, pur inserendosi nella stessa categoria “base” di altre zone, perdono ai punti e oggettivamente vengono preferiti ai francesi o ai trentini.
    Perché non concentrarsi su produzioni di nicchia? Ad esempio Lorenz Martini con le sue due versioni di Comitissa o il 120mesi di Tessari… questi davvero ergono anche a confronto con altre zone.
    Insomma…soliti pensieri sparsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy