Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Pietro Colla Extra Brut Blanc de Noirs 2016 Poderi Colla

Pubblicato

il

Dovevo leggere un post dei primi di dicembre sul blog Monsieur Bulles del bravo collega canadese Guénaël Revel per scoprire che la famiglia Colla dei langhetti Poderi Colla si è messo a produrre un Extra Brut metodo classico potenzialmente Alta Langa ma per ora solo Vsq.

La comunicazione ai tempi di Internet. Quando i langhetti comunicano secondo logiche tutte loro e insondabili.. Perché sono bravissimi, tra i migliori ad onorare Bacco in vigna e in cantina, ma, si sa, sono un po’ timidi…

Ho definito questo Pietro Colla Extra Brut Blanc de Noirs 2016 dei Poderi Colla come il migliore metodo classico piemontese e come uno dei migliori metodo classico italiani.

Qualche notizia su queste ottime bollicine ricavata dal sito Internet della cantina nota per i suoi vini classici albesi, il Barolo Bussia Dardi Le Rose, il Barbaresco Roncaglie, la Barbera d’Alba Costa Bruna e due vini speciali, il Langhe Doc Bricco del Drago, il primo “Super Vino da tavola” del Piemonte, uno dei primi d’Italia, inventato dal celebre farmacista Luciano Degiacomi, l’Ordine dei Cavalieri del tartufo e dei vini d’Alba, un vino dove un 15% di Nebbiolo tempera le asperità del Dolcetto, ed il primo Pinot nero prodotto in Langa, da vigne piantate nel 1977, il meraviglioso Campo Romano.

L’ispirazione per questo Extra Brut, dicono i Colla, “ci è venuta da nonno Pietro (padre di Beppe e di Tino e nonno di Federica e di Pietro) il quale con la serietà, la serenità e l’equilibrio che lo distinguevano, ha saputo trasmettere ai suoi figli la passione per il vino. Nato nel 1894, imparò la difficile arte della fermentazione in bottiglia dalla persona che era stata inviata in Francia ad apprenderla e lavorò per tutta la vita nel campo degli spumanti metodo champénoise presso importanti cantine dell’epoca.

Una volta in pensione continuò, per diletto, a produrre fino agli anni ’70 limitate quantità di Pinot Spumante Brut, Rosé di Nebbiolo Spumante Secco e Asti Spumante Champenois”.

Il vino è una cuvée composta per il 90% Pinot nero e da Nebbiolo per il 10% Ma avete idea di quanto costi questo Extra Brut diretto, nervoso, di grande precisione e pulizia, ricco di nerbo, ben secco, lungo e persistente, che potrete abbinare su una vasta gamma di piatti, dagli antipasti freddi a primi a base di verdure e pesce, su e crostacei e su secondi a base di pesce o carne bianca? 50 euro? No, nemmeno 35. Se avete un’enoteca o un ristorante lo pagherete 12,50 euro più Iva ovvero 15,25 euro.

Meno di tanti presuntuosi Franciacorta DOCG o Trento Doc che le guide e gli enofighetti pompano. Meno di qualche Oltrepò pavese che vorrei ma non posso… E che magari sul finire del 2019 si è visto arrivare i famigerati “tre bicchieri”, non si sa bene come e perché..

Domanda: ma sono ingenui i Colla a proporlo ad un prezzo così onesto o sono fuori di testa, commercialmente parlando, gli altri?

Io la risposta l’ho..

#ExtraBrut #metodoclassico #bollicine #spumanti

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
3 Commenti

3 Commenti

  1. Michele R.

    24/01/2020 at 14:49

    Buongiorno
    Che bello tornare a leggerla!
    Anche perché le voci fuori dal coro sono sempre meno.
    E poi, nessuno come lei sa scovare i vini per cui vale la pena spendere qualche soldo.
    Buon lavoro e buon vino
    Michele R. – Ghemme

  2. Simone

    25/01/2020 at 13:07

    Felice di scoprire il tuo ritorno, persona che ammiro e stimo.
    Felice di aver condiviso una piccola parte del tempo della mia vita con te.

    • Franco Ziliani

      25/01/2020 at 13:51

      Grazie, se ho capito chi é, lei ha un grande padre e fa ottimi vini in Maremma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy