Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Degustazioni

Oltrepò Pavese Pinot nero Brut Cruasé Roccapietra Scuropasso

Pubblicato

il

Un eccellente Cruasé da un piccolo produttore da seguire

Per la serie #unbuonoltrepoalgiorno Un buon vino dell’Oltrepò Pavese al giorno, il miglior modo per andare oltre gli scandali e togliersi il medico di torno… All’insegna dell’Oltrepò buono, pulito e giusto, un valido Oltrepò Pavese metodo classico Rosé da Pinot nero.

Oggi voglio parlarvi di un ottimo Cruasé, ma temo che per molti di voi questa parola sia un termine misterioso da indagini degne di Chi l’ha visto. Ho cercato di ricostruire la genesi di questa strana parola in un recente articolo che vi invito a leggere, ma detto in estrema sintesi si tratta di un nomignolo, anche simpatico, che designa l’ennesimo fallimento di un progetto oltrepadano, ovvero la bella idea (parto dell’ottimo ex direttore del Consorzio tutela Oltrepò Pavese Carlo Alberto Panont, uno al quale l’attuale direttore del Consorzio, tale Veronese, non sarebbe degno di allacciare neppure le scarpe…) di usare un nome comune per i metodo classico Rosé base Pinot nero prodotti nella terra della Bonarda e del Buttafuoco.

Oggi il nome Cruasé non se lo fila più nessuno o quasi (per spiegare i motivi non basterebbe un articolo, ci vorrebbe la Comédie Humaine di Balzac o l’opera omnia di Freud..) e tra i pochi (faccio fatica ad arrivare ad elencarne dieci compreso quello ottimo di Torre degli Alberi)  che lo rivendicano c’è un piccolo produttore di Pietra de’ Giorgi di cui scrissi oltre tre anni fa contribuendo a far conoscere il suo Roccapietra Zero.

Sto parlando della Cantina Scuropasso di Fabio Marazzi, nata “nel 1962 quando Federico (detto Carlo) e Primo De’ Contardi, rispettivamente padre e zio paterno di Fabio Marazzi, decidono di dedicarsi alla cura degli antichi vigneti di proprietà siti in valle Scuropasso nella zona della Garivalda ed alla produzione di basi spumante di Pinot Nero per rinomate realtà della Franciacorta e del Piemonte.

Fabio Marazzi, terza generazione, entra in azienda alla fine degli anni ’80. Incoraggiato e seguito dallo zio Primo sin da subito cerca di dare un’impronta propria all’azienda, ben consapevole di produrre Pinot Nero di alta qualità e grandi rossi a base Croatina. La sua grande passione e l’esperienza maturata a fianco dello zio Primo e di importanti enologi piemontesi, danno vita al primo metodo classico dell’azienda.

Nel 1991 debutta con lo Scuropasso Metodo Classico Brut e nel 1998 con il Roccapietra, “una bollicina paziente” – come piace definirla – per il lungo affinamento sui lieviti. Roccapietra è il nome scelto per raccontare il territorio attraverso la sintesi dei nomi dei due comuni simbolo della valle Scuropasso: Rocca de’ Giorgi e Pietra de’ Giorgi. Il Roccapietra è declinato in tre tipologie: il Brut, il Brut Rosè (divenuto Cruasè nel 2007) e l’ultimo nato, lo Zero, il Pas Dosè presentato nel 2006 per valorizzare ed esaltare le caratteristiche del Pinot Nero dell’Oltrepò che in questo luogo esprime la sua grande vocazione per il metodo classico”.

Il posto dove si trovano, Pietra De’ Giorgi, è bellissimo e anche se il sito Internet aziendale non lo dice (work in progress?) producono anche altri vini, un eccellente Moscato, il Riesling italico Pienosole, il Buttafuoco Lunapiena (di cui magari parlerò su Vino al vino).

bty

Ma veniamo al Cruasé. Colore corallo scarico rosa pallido, perlage sottile, si propone con un bouquet molto elegante, fresco, vivo, teso, molto pulito e sapido, con note di agrumi (pompelmo rosa), accenni di noce moscata e pesca bianca in evidenza.

La bocca è ugualmente all’insegna della freschezza e del nerbo, di una notevole sapidità, per un gusto che è più verticale che ampio, ricco di nerbo, con vinosità calibrata, persistenza lunga e salata, bella tensione e una simpatica croccantezza delle bollicine.

Che dire, ne ha fatti di miglioramenti sul Rosé metodo classico, pardon, sul Cruasé, Fabio Marazzi negli ultimi tre anni… Chapeau, uno dei migliori metodo classico in rosa da Pinot nero dell’Oltrepò Pavese oggi…

Azienda agricola Scuropasso
Fraz. Scorzoletta, 40/42
27040 Pietra dè Giorgi (PV) – Lombardia
Tel. e Fax 0385 8514
info@scuropasso.it
www.scuropasso.it

Attenzione! Non dimenticate di leggere anche Vino al vinowww.vinoalvino.org

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy