Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Degustazioni

Alta Langa Brut Sivà 2015 Fratelli Abrigo

Pubblicato

il

  • Alta Langa
    Denominazione
  • classico
    Metodo
  • Chardonnay
    Uvaggio
  • Giudizio

Buone notizie in arrivo dal mondo dell’Alta Langa, il metodo classico Docg made in Piemonte! Da una dozzina che erano fino a pochi anni orsono, oggi i produttori sono diventati quasi quaranta e potrebbero diventare ancora di più, portando la produzione dagli attuali circa due milioni di bottiglie ad almeno mezzo milione in più, se venisse modificata la piattaforma ampelografica che contempla solo Pinot nero e Chardonnay e venisse inserito tra le varietà autorizzate anche il Re Nebbiolo. Che anche “bollicinato” con il metodo classico dimostra sempre di essere il Pelé, anzi,  il Valentino Mazzola delle uve, piemontesi e non.

La buona notizia di questo fine settimana è che a Diano d’Alba, borgo tra i più vocati per la produzione di quella grande uva tipicamente piemontese che è il Dolcetto, un vignaiolo come il simpatico e “ruspante” Ernesto Abrigo, meno di quarantamila bottiglie complessivamente prodotte nella cantina posta nella Cascina dei Berfi, dove la famiglia arrivò nel 1935 provenendo da Barbaresco, (una realtà fatta crescere dai fratelli Aldo e Franco e oggi condotta da Ernesto, diplomato alla Scuola Enologica di Alba nel lontano 1976, e sua sorella Mariarita, oltre che dal figlio Valter e dal genero Emanuele Antona, enotecnico), ha scoperto di avere non solo talento per i classici rossi albesi, Dolcetto appunto, Nebbiolo, Barbera e dal 2013 per il Barolo dal cru Ravera, ma di avere anche un’anima bollicinara.

bty

Anima testimoniata da oltre 15 anni da un Alta Langa Brut, da uve Chardonnay provenienti da una piccola vigna in quel di Sinio (esposizione sud-est, 4500 ceppi ettaro, terreni su marne argillose con ricca presenza di scheletro e sabbie), affinato almeno 30 mesi sui lieviti e prodotto in circa 5000 esemplari (costo agli operatori 15 euro più Iva), che bevuto recentemente mi è decisamente piaciuto.

Nulla di spettacolare (i Cocchi continuano ad essere gli indisturbati leader della denominazione), ma una bollicina sicuramente ben fatta questo Siva (dai nomi dei figli di Ernesto, Silvia e Valter), che gioca molto sulla morbidezza e sul facile appeal, senza per questo essere un vino ruffiano e piacione. Il dosaggio é inferiore ai 5 grammi.

Colore paglierino oro brillante luminoso, perlage di media finezza, profumi di crosta di pane, miele nocciola e pompelmo, si propone difatti fin dal primo sorso molto morbido in bocca e cremoso, con bollicine fini e non aggressive, buon equilibrio e piacevolezza, gusto rotondo e succoso.

Az. Agr. Abrigo Fratelli
Via Moglia Gerlotto 2
12055 Diano d’Alba (CN)
Tel +39 017369104
Fax +39 0173468900
info@abrigofratelli.it
https://www.abrigofratelli.it/

Attenzione!:

non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org/

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy