Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Giramenti di... bolle

Oggi le tragicomiche: Spumanti Italia ci riproverà nel 2021 a Desenzano

Pubblicato

il

L’ennesimo flop annunciato di una manifestazione inutile..

Lo so che faccio un errore ad occuparmi, come ho già ingenuamente fatto, regalandogli la pubblicità che non merita, di una manifestazione e di un personaggio su cui sarebbe meglio, per umana pietas, stendere un velo caritevole, e dimenticarlo.

Però, di fronte alla “notizia” data dal bravissimo collega Emanuele Scarci sul suo blog Aziende in campo, news che potete leggere qui, notizia che annuncia che una manifestazione che lo scorso anno si è risolta in un flop gigantesco (a detta di diverse persone che vi hanno improvvidamente partecipato e mi hanno raccontato e ho riferito qui quale povera triste cosa sia stata) invece di consegnarsi all’oblio e accettare il fallimento, proverà, con una sorta di accanimento terapeutico, a riproporsi nel 2021, non posso tacere.

E dico che leggere che “Spumantitalia si trasferisce da Pescara sul lago di Garda, cambia sponsor e si internazionalizza. Si avvicina al cuore della produzione spumantistica, in posizione baricentrica rispetto ad Asti, Franciacorta, Veneto e Trentino”, è notizia da Oggi le comiche, Scherzi a parte, La sai l’ultima, da Premio barzelletta del biennio.

Scarci da bravo cronista quale é ci riferisce che una “terza edizione dell’evento legato al mondo dello spumante nazionale è in programma sul lago di Garda, a Padenghe sul Garda, 3,4 km da Desenzano, dal 21 al 24 gennaio 2021” e che “il promotore rimane Andrea Zanfi Editore ma, quest’anno, per mezzo del magazine Bubble’s”. Una rivista inutile, di grande formato, che dovrebbe far incazzare Greta Thunberg (che finalmente torna a scuola e magari impara qualcosa di utile e la smette di fare la suffragetta dell’ecologicamente e politicamente corretto) visto lo spreco di carta che stamparlo comporta.

Il comunicato citato da Scarci nel suo articolo ci riferisce che l’edizione 2021 “della kermesse prevede il coinvolgimento di produttori internazionali e di maison estere oltre a momenti di confronto, giornate di lavoro aperte a tutti gli attori della filiera”. E che ci saranno – boom!!!! – ben 15 master class “relative a tipologie di spumanti realizzati in tutta Italia”.

Scarci ci racconta che “i nuovi sponsor non sono stati comunicati: ufficialmente lo saranno la prossima settimana. Nelle due edizioni precedenti Spumantitalia era chiaramente targata Abruzzo. Infatti lo sponsor di lusso è stato il Consorzio di tutela dei vini di Abruzzo”, il quale, visto il floppone dell’edizione 2020, ha pensato bene di non rinnovare la collaborazione con Zanfi.

Lo scorso anno il singolare personaggio, che ha un unico pregio, è interista come me, e si è fatto notare per una serie di libri sul vino inutili (tranne che per le bellissime foto di Giò Martorana) è riuscito ad ottenere in qualche modo l’attenzione / collaborazione di “Città di Pescara, Citra, Confcommercio Pescara e Cdc Pescara. Oltre a Assoenologi, Consorzio Asti Docg, Consorzio Oltrepò Pavese, Aliante, Abs wine & spirits”.

Ma, domanda da Rischiatutto, quali saranno i “gonzi”, i personaggi che evidentemente vivono sulla luna o pensano che i bambini nascano sotto i cavoli o li porti la cicogna, che daranno ancora credito, e soldi, ad una manifestazione che già dal nome è ridicola (mettere insieme nell’immenso contenitore “spumanti” metodo classico e Charmat, Prosecco Doc e Docg e Franciacorta, Trento Doc, Alta Langa, Oltrepò Pavese, nel nome delle “bollicine” è patetico, fuorviante, inutile e fonte di disinformazione) e che è inutile ostinarsi a provare a tenere in vita quando è già morta, anzi è nata già defunta sotto i peggiori auspici?

Misteri della fede, pardon, una delle mille stranezze di questo scombiccherato mondo del vino italiano, o meglio, delle “bollicine”…

Attenzione!:

non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE











I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x