Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Giramenti di... bolle

Langone, peccato, questa volta ha pisciato fuori dal vaso!

Pubblicato

il

Sul Foglio una “Preghiera” blasfema contro lo Champagne

Figuratevi voi se io, che sono libertario, ma sono poco liberale e per niente liberista, io che sono per la libertà di espressione, anche quella di dire che al governo c’è un cialtrone con la pochette, mi metto ad invocare la censura.

Figuratevi voi se io, che la questione del fottuto estremismo islamico, dei nemici che a colpi di attentati, dalle Torri Gemelle al Bataclan, da Charlie Hebdo, alla stazione di Atocha a Madrid a Londra, Nizza, Bruxelles, Berlino, Manchester (l’Italia è sinora stata risparmiata e qui bisognerebbe chiedersi perché, lungo e complesso discorso..) minacciano la nostra civiltà, la risolverei a colpi di carri armati e bombardamenti a tappeto (stile Dresda) lancio ora una fatwa.

Io, che sono bastian contrario e iconoclasta, che amo gli irregolari della scrittura, i folli, i dannati come Junger, Brasillach, Drieu La Rochelle, Céline e Houellebecq, Charles Bukovski, che adoro, per tanti motivi, Pietrangelo Buttafuoco, amo le provocazioni e io stesso mi diverto spesso a farle nei miei articoli.

Però, c’è un limite a tutto. Anche al non senso. E se accetto che un cretino dica o scriva cretinate, se accetto che idiozie le possano scrivere tristi figuri come Andrea Scanzi, Luca Sofri, un tale Bottura che scrive cazzate su Repubblica (la sua rubrica dovrebbe intitolarsi scemi ma basta…) non riesco a capire che un uomo intelligente, uno scrittore raffinato, un intellettuale controcorrente come Camillo Langone, lucano classe 1962, perito agrario oggi residente nella bellissima Parma, che scoprii nel 1996, quando ancora dirigevo una biblioteca civica, quando acquistai e lessi un piccolo capolavoro come Scambio coppie con uso di cucina, autore di libri stuzzicanti come Maccheronica: guida reazionaria ai ristoranti italiani e Pensieri del Lambrusco, quando scrive di vino finisca con lo scrivere solenni scempiaggini.

Lui scrive sul Foglio fondato da Giuliano Ferrara, dove cura quotidianamente la rubrica Preghiera, e su Il Giornale, occupandosi di rubriche enogastronomiche, religiose e letterarie. Posso accettare, anche se sono orgogliosamente laico e non sopporto bigotti, baciapile e beghine (ce ne sono anche nel vino, ne conosco uno che ha cantina sopra Barolo…, il campione insuperabile della categoria…), che in qualità di “critico liturgico” sia arrivato, ognuno è libero di spendere il proprio tempo come vuole, a recensire circa 200 messe, recensioni raccolte nel volume Guida alle messe del 2009.

Però quando ho letto due giorni fa, sul Foglio questa sua “Preghiera”, che vi invito a leggervi qui, mi sono cascate le braccia e mi sono girate le…scatole.

Perché posso accettare che uno dei peggiori presidenti della storia della gloriosa repubblica francese, François Hollande (oggi giustamente sparito dalla circolazione, come il PS), un président espressione della più stolida gauche caviar, possa invitare a non bere Champagne. Posso accettare che a farlo possano essere, poareti, prosecchisti e proseccari, che lo faccia qualche relitto della sinistra comunista più malinconica il quale sostiene che sarebbe un prodotto da ricchi capitalisti, o che qualche stordito arrivi a dire che per bere Champagne occorra mettersi in smoking (io lo bevo anche in mutande e in qualche circostanza l’ho bevuto anche senza…). Ma che un’intelligenza come quella di Langone arrivi a definire noi, orgogliosi bevitori di Champagne “saccenti e classisti”, oppure “più spocchiosi di un liberal americano”, convinti, ne abbiamo tremila ragioni del resto, “di essere superiori ai bevitori di Franciacorta”, non lo sopporto.

Non accetto, nemmeno come una boutade mal riuscita, che il buon Langone, tra una messa e l’altra, un bicchiere di Pignoletto o di Malvasia frizzante dei Colli Piacentini (vini che ama e che forse sono a misura della sua cultura enoica) arrivi a dire di noi bevitori di champagne “non sono spumeggianti, sono gonfi”.

Io, anche se qualche lettore stupidamente nazionalista, forse nostalgico di lontane autarchie, mi rimprovera di scrivere così tanto di Champagne e di essere “al soldo” dei francesi (ne sarei orgoglioso, francisant come sono, per ora mi accontento del sostegno di importanti importatori che hanno voluto sostenere il mio lavoro con i banner delle loro società o di Maison de Champagne che importano) continuerò, per la gioia dei miei occhi, del mio naso, del mio palato, che è molto esigente, a bere Champagne.

A cantare la gloria di questo vino supremo che è vanto di Francia e che regala felicità e consolazione, ebbrezza e allegria al mondo intero. Scriva pure, il buon Langone, che purtroppo questa volta ha pisciato fuori dal vaso, “Si ravvedano i bevitori di champagne, si pentano della loro vuota superbia, dissolvano la loro boria passando al lambrusco (o al raboso frizzante)”, io continuerò a stappare les bulles champenoises e a sognare. A’ la santé, anche quella di Langone.

Al quale dedico, mi sembra gli si attagli perfettamente, questo capolavoro di Boris Vian (uno scrittore che sono sicuro lui conosca) nella splendida interpretazione di Tatiana Eva-Marie, leader della Avalon Jazz Band. Altro che Casadei!

Attenzione!:

non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Silvia
Silvia
22/11/2020 09:33

Ziliani se non le ricevesse in regalo e dovesse pagarle, quante bottiglie di champagne berrebbe all anno? Tenendo conto che per bere uno Champagne un minimo appagante ci vogliono minimo 30/35 euro.

Silvia
Silvia
22/11/2020 12:00
Reply to  Franco Ziliani

Non volevo certo fare i conti in tasca a lei. Dico solo che oggi chi spende 30 euro per una bottiglia se non è ricco è quantomeno molto benestante.

Damiano
Damiano
22/11/2020 15:19

…e poi, Silvia, ma che diavolo c’entra??? Il tema è un altro.
Siamo di fronte all’ennesimo tentativo di redenzione dal male…
A turno tocca a tutti.. prima quelli che cenano in ristoranti stellati, poi quelli che hanno una bici costosa, per passare a quelli belli con gli occhi azzurri…ce n’è per tutti.
Ed adesso la redenzione è per il male assoluto e chi ne fa uso…lo champagne!
Perché mai uno che beve champagne dovrebbe essere borioso? E superbo?
La motivazione di tutto ciò?
Se è per qualche fenomeno da baraccone che in locali presunti “in” ostenta delle bocce fantasmagoriche…beh… dal tavolo al sabato pomeriggio al bar della polisportiva me lo aspetto… Ma
mi meraviglio se esce da uno che (non conosco ma mi fido) dovrebbe avere una penna acuta.
O forse sta diventando moda anche il radicalscicchismo?
Fa il paio con quei punkabbestia che vede(ev)i a Bologna in ostentata indigenza salvo poi scoprire che erano mantenuti da grassi e grossi cumenda.

Giuseppe
Giuseppe
23/11/2020 10:51

Quando mai Langone ha scritto qualcosa di intelligente?

Povera Ma Buonista Radical chic
Povera Ma Buonista Radical chic
24/11/2020 14:29

Le chiedo per una mia curiosità personale, c’era proprio bisogno di esternare pensieri così manifestatamente fascisti?
Sinceramente che lei creda nel bel glorioso ventennio ce ne frega quanto della quantità di vino e champagne che lei beve tutti i santi giorni. Mi frega veramente niente di come venga etichettato chi lo fa, ma se mi chiedo se Lei è così orgoglioso e spocchioso come dimostra con le parole soprastanti, ma perché si inalbera tanto? Cosa la ferisce a tal punto da farle venire a vomitare blasfemie Mussoliniane sul Web?
Saluti Cordiali.

Matteo
Matteo
24/11/2020 22:59

Come faccio a spedirle un dvd sull’11 settembre, per me molto importante per capire quelli che non è successo? Se mi manda un indirizzo glielo spedisco cone regalo didi natale che se avrà voglia di guardarlo mi farà molto piacere, viato che una persona intelligente come lei non può accettare solo champagne in regalo. Mi faccia sapere se ha voglia di scoprire qualcosa di diverso che in tv non ci hanno raccontato. E dopo sarà libero comunque di pensarla come vuole. Un caro saluto. Matteo.

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE











I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

11
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x