Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Trento Doc: chi avrà più verve, Rotari (6,99 euro) o Vervé (15)?

Pubblicato

il

Il responso domani sui vostri schermi…

Si avvicina, sempre che l’impomatato con la pochette non ce lo sequestri, il Natale e basta andare in qualche supermercato (iper o negozio di prossimità come ama chiamarli l’assurdamente premier) per vedere che come le mutande delle pornostar anche i prezzi delle bollicine, mi limito ai metodo classico, perché frizzanti, spumanti generici e Prosecco ancora un po’ e te li regalano, calano e volano via.

Vai da Esselunga, dove dovrebbero ancora trovarsi bottiglie di quel Barolo a 9,90 euro di cui ho lungamente parlato, e ti trovi di fronte ad un bancale (ma quante bottiglie ne producete cari Lunelli, non è che riesce anche a voi, come a quel capellone barbuto predicatore di millenni orsono, il miracolo di trasformare l’acqua in vino?) di Trento Doc “base” di Ferrari, che in Trentino sino a qualche giorno fa veniva via a 8,90.

Vai da Iper e di trovi di fronte ad un Franzacurta Satèn scontato del 55% che invece di 17,90 euro te li tirano via a 7,99 (e se gli date 8 euri il centesimino di resto pretendetelo…).

mde

Poi vai in un Italmark a 500 metri di casa e cosa ti trovi in offertona? Nientemeno che il Trento Doc base di una celebre cantina cooperativa, Mezzacorona, la cui parte bollicinosa si chiama Rotari, che sul sito Internet viene definita “punta di diamante del Gruppo Mezzacorona, una delle più significative strutture di produzione di spumante Metodo Classico in Italia, una cantina di moderna concezione perfettamente integrata nel territorio circostante, ideata e costruita nel rispetto dell’ambiente”.

Peccato che all’inaugurazione dello spumantificio, ero presente, l’allora boss della cantina, il mitico Fabio Rizzoli, promise (un po’ come Mussolini con gli otto milioni di baionette) di produrre cinque milioni di bottiglie e oggi, trascorsi 23 anni, nonostante qualcuno già nel 2003 ricordasse al tipo le promesse da Pulcinella, la produzione non arriva al milione e mezzo di pezzi e Ferrari continua ad essere leader incontrastato. E la mega cantina con impianto stellare di spumantizzazione sia costata a noi contribuenti un sacco di schei

Non è migliorata Rotari, il lupo perde il pelo ma non il vizio (di calare le braghe, pardon, i prezzi) e se sette anni fa sottolineavo che il Trento Doc Rotari continua ad essere venduto a prezzi da Prosecco, allora nel 2013 7,79 euro, oggi ne ho pagata una bottiglia (roba de matt, io che compro Rotari!) la bellezza di 6,99. Ovvero 80 centesimi in meno di sette anni orsono

Cosa ho dunque pensato di fare io che sono bastardo dentro fuori e anche in mezzo e sono in servizio permanente effettivo per gli amati lettori dei miei blog?

Ho pensato di organizzarmi chez moi una bella degustazione alla cieca e mi stapperò il Rotari a prezzi sempre più bassi in comparazione con un altro Trento Doc. Non ho scelto Letrari, una bottiglia di quei “simpaticoni” di Maso Martis oppure di Endrizzi, Pisoni, Revì, Abate nero, Cesarini Sforza,  Cavit, Marco Tonini, ecc, bensì una cuvée di recentissima uscita di un’altra cantina cooperativa trentina, poco nota, ma inserita dal mio amico Mario Federzoni nel catalogo della sua società Première Italia, la Cantina di Roveré della Luna, la riserva Vervé 2013. Che costa il doppio del Brut di Rotari.

E che mi è stata segnalata dall’affascinante misteriosa Donna che ha fatto il video di presentazione del mio blog personale, che l’ha provato e mi ha detto che non potevo perdermelo. Io, potendo, non mi perderei invece lei…

https://youtu.be/d8RYUZT57XA

E in attesa di godermi tra qualche giorno e raccontarvi l’ennesima mirabilia di un trentino con i baffi, Mario Pojer da Faedo, che produce da illo tempore eccellenti metodo classico ma fuori dal cartello Trento Doc, che è appena uscito con un Extra Brut Molinàr che provate ad immaginare con quali uve sia prodotto, stasera stapperò, degusterò e mi chiederò: chi ha più verve tra il Rotari e il Vervé di Roveré?

Ai calici, rigorosamente quelli prodotti da Italesse e inventati da Luca Bini da Isera, conducator della splendida Casa del vino della Vallagarina, il responso..

https://youtu.be/PNbBDrceCy8

Mal che vada per consolarmi stapperò Champagne…

n.b.

non dimenticate di leggere anche il nuovo blog personale www.francoziliani.it e Vino al  vino www.vinoalvino.org

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Laura
Laura
06/12/2020 19:56

Le segnalo che si trovano champagne venduti a meno di 10 euro. Forse non è un problema solo italiano

Laura
Laura
06/12/2020 20:31
Reply to  Franco Ziliani

Comte de brismand , brut reserve. Venduto presso lidl in Germania (ma a breve anche in Italia) a 9.69.
Non riesco a allegare la foto ma si fidi.
Per lavoro tengo sotto occhio ste cose. Per gli champagne c è sempre stata una direttiva di non scendere sotto i 12 euro. Sotto i 10, mi creda, non si è mai visto.
E se lo vende Lidl, si fidi ancora, non stiamo parlando di 10.000 bottiglie avanzate in magazzino da smerciare.

Laura
Laura
06/12/2020 20:46
Reply to  Franco Ziliani

Le dico di più. Presso Aldi c è un champagne (veuve monsigny) a 9.98. Ed una marea di cremant d alsace attorno ai 5 euro. E , si tenga forte, cava a 3.99.
Il prosecco di Mionetto viaggia al supermercato a circa 8 euro. Il ferrari base a meno di 15 (con punte di 22) non lo trova. Le posso documentare tutto ma spero si possa fidare.
Indi, prima di sputare sull italia, ci penserei un attimo.
Non mi scriva perché, purtroppo, dato il suo pessimo vizio di non rispettare l ‘anonimato dei lettori, per ragioni professionali mi vedo costretta a fornirle una mai falsa.

Laura
Laura
06/12/2020 20:54
Reply to  Franco Ziliani

Parlavo di mercato tedesco, egregio. Se non si fida domani le mando i volantini per mail.
Sull anonimato dei commentatori, 2 giorni fa l ultimo caso. Uno che si firma col nome, da lei richiamato cok cognome. Non sta bene, Ziliani, converrà.

Laura
Laura
06/12/2020 20:56
Reply to  Franco Ziliani

Il ferrari base, in italia, presso.la Gdo è venduto tra i 12 e i 15 euro, a prezzo pieno . Sotto i 10, solo a dicembre.

Laura
Laura
06/12/2020 22:28
Reply to  Franco Ziliani

Ma si figuri. Mi occupo di studi di mercato. Per il vino come per i tovaglioli e i detersivi. Nessun contatto coi produttori. Ma ciò che scrivo è oggettivo e documentabile.
Il mercato europeo è quest anno, per la prima volta, invaso da champagne sotto i 10 euro.
Credevo di farle un piacere dicendole cose di cui non era a conoscenza. Come non detto. Ma come spesso accade, qcn indica la luna e qcn guarda il dito.
Buone cose

oreste
oreste
10/12/2020 17:13

Chiedo, potrebbe essere un problema, quello del calo dei prezzi o di calare le braghe, dovuto ai rapporti di forza che hanno i buyer dei supermercati?
A quanto so Esselunga utilizza dei buyer propri, interni… Coop ad esempio, affida l’incarico a terzi.
Figure poco trasparenti, la cui intermediazione li ha fatti guadagnare più che i produttori o i supermercati, che hanno il potere di piazzare la bottiglia X in uno scaffale visibile piuttosto che in uno ben nascosto.
grazie x la risposta
saluti

David
David
06/01/2021 02:31

Carissimo Ziliani, ormai Natale è passato…Capodanno anche…la Befana quasi…e nonostante tutto propio oggi trovo in offerta al Carrefour di zona il Cesarini Sforza Brut LE PREMIER al modico prezzo di 6,79€!!!Batte anche il Rotari…
Come lei ben sa è un Metodo Classico che sul sito del produttore dovrebbe addirittura avere una permanenza di 24mesi sui lieviti…
Ora,se facciamo una proporzione, è peggio un Valdobbiadene pronto in 3mesi a 3,99€ o un Metodo Classico 24mesi a 6,79€????
Qualsiasi sia il palato,stiamo pur sempre parlando di un Trento Doc…

Cordialmente
Ricci David

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

14
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x