Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Vogliamo dirlo che il sabrage è pura violenza sullo Champagne?

Pubblicato

il

Riflessioni serie e semiserie su una moda ridicola che imperversa in Italia

Una premessa indispensabile. In questo articolo non intendo in alcun modo fare riferimento ad alcuna persona in particolare, voglio fare un discorso generale. Se qualcuno/a dovesse riconoscersi nelle mie parole sappia, e lo dichiaro pubblicamente subito, che è una sua libera interpretazione, priva di qualsivoglia fondamento.

Detto questo vorrei parlarvi del sabrage. Di cosa si tratta? Semplice, di una particolare tecnica per aprire le bottiglie di Champagne servendosi di una sciabola (sabre in francese), usata solitamente come cerimoniale. È una pratica che divenne popolare nella Francia napoleonica quando l’esercito visitava i domini aristocratici appartenenti all’impero. Siamo subito dopo la Rivoluzione francese quando la sciabola era l’arma d’elezione della cavalleria leggera dell’esercito, gli Ussari. Viste le numerose vittorie ottenute dall’esercito, vi furono molti festeggiamenti, durante i quali era prassi aprire le bottiglie con un mezzo comodo e facilmente reperibile. Pare che durante uno di questi festeggiamenti l’imperatore Napoleone arrivasse ad eclamare: «Champagne! Nella vittoria è un merito; nella sconfitta una necessità», incoraggiando in tal modo l’uso e la pratica del sabrage.

Il sabrage sarebbe rimasto solo un elemento della storia multiforme della Champagne se non fosse diventato, si noti bene, soprattutto in Italia, dove pensiamo di essere più furbi e svegli dei francesi (pensate a quei fenomeni di toscani, che producono dei Petit Verdot in purezza, mentre à Bordeaux, dove il vitigno è abbastanza diffuso, nessuno si è mai sognato di farlo e utilizza quest’uva solo in piccole percentuali e in determinate annate), un fenomeno di moda.

In Italia stappare le bottiglie di Champagne, soprattutto di bottiglie preziose come Krug o Cristal di Roederer o metodo classico (ma mi raccomando siano bottiglie top, mica un franciacortino qualsiasi o il Cruasé da meno di 5 euro di Fiamberti) è diventato trendy. Fa fino, figo, è cool. Si organizzano corsi di sabrage, gare di sabrage, concorsi, sfide a chi sabra meglio, e in questa singolare deriva si dilettano soprattutto le donne.

Io,  nel mio piccolo, ho cercato di capire la loro psicologia, cosa le attragga in questa pratica, e per qualche tempo ho frequentato una di queste donne sabratrici, donna interessante, raffinata, non volgare, ottima conoscitrice di Champagne, persona matura, diciamo sui cinquant’anni e più. Lei ha cercato di spiegarmi che quella pratica di stappare le bottiglie sciabolandole fosse una cosa seria, ma non c’è riuscita e quando tra di noi si è creata una sorta di complicità che rischiava di diventare intimità, io ho cominciato a pensare che Madame volesse applicare la pratica del sabrage non solo stappando bottiglie e mi sono defilato…

Tornando a noi, voglio dire che io considero questa pratica del sabrage nel migliore dei casi come bizzarra o stravagante, in ogni caso pericolosa. E quantomeno non in grado di onorare al meglio il lavoro, lungo, meticoloso, faticoso, che c’è dietro una bottiglia di Champagne.

Avevo ingenuamente sperato che la più importante associazione della sommellerie italiana, A.I.S., prendesse in qualche modo le distanze da questo bizzarro modo di stappare Champagne e metodo classico, visto che appartiene allo spirito e alla pratica della sommellerie un corretto servizio, rispettoso di tutta una serie di accorgimenti, di rituali, delle bottiglie. Aspetta e spera. Essendoci tra i più tenaci sabratori alcuni boss o mammasantissima della onorata Associazione la vedo difficile che in qualche modo A.I.S. possa criticare questa pratica…

Ma come la pensano le donne, appassionate di vino, di questa pratica? Ho fatto un piccolo test per saperlo. Ho chiesto ad esempio ad una delle Wine angels, donne molto affascinanti, attive sui social e su Instagram in particolare, un parere. La loro risposta? Eccola: “Pensiamo che sia molto scenico, ma poco elegante. Inoltre sicuramente non migliora la degustazione di un vino, quindi tendenzialmente lo evitiamo se non quando vogliamo dare spettacolo”.

Ho poi contattato, sempre tramite Instagram, Viktorija Blazevic, una giovane appassionata del vino di origini nobili russe, con la quale dialogo, siamo entrambi innamorati del Nebbiolo in tutte le sue forme, da qualche tempo. Una ragazza intelligente e matura che posta riflessioni come questa “Io non sono felice, sono allegra. C’è una differenza. Una donna felice non ha per niente preoccupazioni. Una donna allegra ha preoccupazioni, ma ha imparato come gestirle“, pensiero di tale Beverly Sills, che non so chi sia, ma che lei condivide, ed ecco le sue risposte alla mia domanda su cosa pensi della pratica del sabrage: “Penso sia una dimostrazione non so di cosa, forse stupidità. Io ho grandissimo rispetto per il produttore del vino, non uso la sputacchiera se non alle fiere, figuriamoci se mi metto a spaccare le bottiglie e mi metto a sfoggiare nelle foto le bottiglie delle case molto importanti”.

Ma, prima di dire la mia, ho voluto approfondire il discorso, e mi sono rivolto chiedendo loro cosa pensassero della pratica e della moda del sabrage, a tre amici in Champagne, due vignerons, e un vecchio amico, Thibaut Le Mailloux, fino a pochi mesi fa responsabile della comunicazione del Comité Champagne, e oggi attivo in una Maison prestigiosa come Gosset,

Thibaut mi ha detto: “il sabrage è una realtà storica legata alla Champagne, è un rituale spettacolare, fa parte delle consuetudini di talune Maison, ma è anche una tecnica delicata, precisa e rischiosa, per non dire pericolosa, che fa correre il rischio di sprecare del vino e di avere delle rotture delle bottiglie. Franco, tu praticheresti il sabrage su uno dei tuoi Champagne del cuore?”. Ovviamente no, no ci penso nemmeno.

Ho poi rivolto lo stesso interrogativo all’amica Line Mondet, i cui Champagne sono importati in Italia dall’enoteca on line Bollicine di Francia. La sua risposta è stata tranchant: “il sabrage è poco praticato in Champagne. I tappi esistono apposta, no? La pratica è riservata ad inaugurazioni ed eventi quando si vuole fare qualcosa di spettacolare. E poi bisogna saperlo fare se non si vuole sprecare tutto lo Champagne che c’è in bottiglia!”.

Ultimo interrogativo a Cédric Mangin titolare di una Maison situata a Leuvrigny le cui cuvées apprezzo molto. Risposta chiara. “Il sabrage in Champagne viene fatto in occasione di grandi cerimonie, battesimi, matrimoni, ma non è affatto una moda. Taluni amano mettersi in mostra facendolo. Ci sono già stati parecchi incidenti, bottiglie che esplodono completamente”.

Preso atto di quello che pensano in Champagne, mica in Franciacorta, Trentino, Oltrepò Pavese del sabrage, mi sono chiesto: ma la simpatica, si fa per dire, ministro degli Interni (spero ancora per poco) Lamorgese, che è così solerte nel rompere le… ai ristoratori che tengono aperti i loro locali perché hanno bisogno di lavorare, e sguinzaglia, come nella Russia di Stalin e nella Corea del Nord di Cicciobello, carabinieri, polizia, forze speciali non per respingere gli invasori africani, ma per multare, reprimere, chiudere locali per punizione, ristoratori giustamente incazzati, la ministra degli Interni che se ne frega delle difficoltà di  tanti ristoratori, in Versilia, a Bergamo, a Parma, a Catania, in ogni dove, cosa aspetta per dare istruzioni chiare affinché questi giochi con sciabole e bottiglie siano vietati perché pericolosi?

Già ci sono stati casi di persone che praticando il sabrage hanno perso delle dita, si sono lesionati i tendini, si sono fatti male e hanno rovinato la loro vita. Bisogna aspettare che ci scappi un morto perché la ministra e i responsabili dell’ordine pubblico facciano qualcosa?

E poi, oltre a pensare che stappare Champagne con il sabrage rappresenti una forma di violenza, una sorta di “stupro” sul vino, un’offesa al lavoro del produttore, volete che vi dica fino in fondo cosa penso del sabrage e della psicologia contorta di chi lo pratica?

Nel caso dei maschi credo che uno psicologo troverebbe che l’ostentazione della sciabola sia una forma di affermazione della propria virilità, un po’ come dire “guardate quanto l’ho lungo”… Magari lungo… quello, ma piccolo il cervello…

Nel caso delle donne beh, penso che Freud avrebbe qualcosa da dire, che parlerebbe di “invidia del pene”, che annoterebbe “Anche il complesso di evirazione della bambina è messo in moto dalla vista dell’altro genitale. Essa nota subito la differenza e – lo si deve ammettere – si rende conto del suo significato. Si sente gravemente danneggiata, dichiara spesso che anche lei “vorrebbe avere qualcosa di simile” e cade quindi in balia dell’invidia del pene, che lascerà tracce incancellabili nel suo sviluppo e nella formazione del suo carattere e che, anche nel più favorevole dei casi, non sarà superata senza un grave dispendio psichico”.

E ancora: ”se si indaga abbastanza a fondo nella nevrosi di una donna, non di rado ci si imbatte nel desiderio rimosso di possedere un pene come quello dell’uomo. Un insuccesso, una sfortuna accidentale, o addirittura dovuta – come accade abbastanza spesso – a una disposizione fortemente virile, ha riattivato, nella donna, questo desiderio infantile (che chiamiamo “invidia del pene” considerandolo un aspetto del complesso di evirazione) e, attraverso il riflusso della libido, ha fatto di tale desiderio il veicolo principale dei sintomi nevrotici. Nel caso di altre donne la presenza di questo desiderio del pene non può essere dimostrata in alcun modo; il suo posto è preso dal desiderio di un bambino, e la frustrazione di tale desiderio nella vita può poi scatenare la nevrosi”.

Pertanto, non se la prendano le sabratici, a queste conclusioni è arrivato il padre della psicanalisi, un genio come Sigmund Freud, non il sottoscritto, quindi amici miei appassionati di Champagne, fate attenzione. Se vi imbattete in una fan della pratica del sabrage, tenetevi alla larga, evitate ogni forma di intimità con lei. Potreste correre il rischio di vedervi sabrare, beh, ci siamo capiti cosa…

Attenzione!:

Non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
19 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
19 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Barbara
Barbara
15/01/2021 16:50

da quello che scrive Ziliani mi fa pensare che lei abbia qualche problema con le donne e che a letto le piaccia farsi legare o ammanettare e farsi sculacciare.
Mi sbaglio?

Marcello
Marcello
15/01/2021 16:51

Finalmente! era ora che qualcuno scrivesse che quella del sabrage é una moda stupida!
BRAVO avanti così

Barbara
Barbara
15/01/2021 18:10

suvvia Franco non sia timido. dica quello che pensa, che sogna, che vorrebbe chiedermi di provare a farsi legare da me al suo letto…
Magari se me lo chiede in maniera convincente e risoluta (io amo le emozioni forti) non le dico di no… E con me, mi creda, si divertirebbe

Nando Papa
Nando Papa
16/01/2021 18:26
Reply to  Barbara

Sei un ridicolo Fake!!

Gianluca
Gianluca
15/01/2021 18:28

… tutta la fatica fatta per creare quelle fantastiche bollicine, sacrificata sull’altare dell’esibizionismo?

Patrizia
Patrizia
15/01/2021 18:29

ho cercato con Google Donne e Sabrage e ho trovato delle immagini molto eloquenti di qualche praticante e fan del sabrage

SwissWineLover
SwissWineLover
16/01/2021 09:59

Assolutamente d’accordo! Il fatto che il più delle volte almeno un calice vada a farsi benedire mi fa girare le p****.
Vedo spesso su Instagram persone sciabolare Krug, DP e Cristal, con tanto di perdita del prezioso nettare…e capisco che la maggior parte di chi beve queste bottiglie non interessa nulla del contenuto ma solo dell’etichetta.

Damiano
Damiano
16/01/2021 14:18

Pratica assurda, balorda, che nulla attiene al nobile liquido… infatti non aggiunge o toglie (anzi…a volte toglie anche) assolutamente nulla.
Tra l’altro con il rischio che, se il vetro fosse microfessurato, qualcuno si ritrovi con degli smeraldi nelle mutande (diamanti nel caso di Cristal).
Come osservato giustamente dall’amante dei vini svizzeri, è roba per far fare urletti isterici a magre stinche ben vestite alle feste della “bella gente”.

Nando Papa
Nando Papa
16/01/2021 18:25

Che Dio la
benedica!
L’orrenda pratica è appannaggio di ignoranti esibizionisti, per niente rispettosi del lavoro che c’è dietro quella bottiglia.

Antonio
Antonio
16/01/2021 19:24

Un altro centro Franco, gliele hai cantate e suonate. Questa pratica la trovo cialtronesca, anzi briatoresca (non so perché mi viene in mente lui…)

Marco
Marco
17/01/2021 15:37

Pratica tipica di locali tipo Billionaire e briatoriate varie, dove si vedono Cristal e Dom a fiumi nei bicchieri di gente che non lo sa distinguere dalla Sprite . Perle ai porci.

Marco
Marco
17/01/2021 17:50
Reply to  Franco Ziliani

Propenderei per la seconda ipotesi . E poi Franco, dall’alto della mia ignoranza, ma quanto è bello il momento in cui stappi una bottiglia? E’ l’inizio del viaggio, immaginare che il tutto cominci con un colpo di sciabola….mah..

Damiano
Damiano
17/01/2021 18:36
Reply to  Franco Ziliani

Ma forse perché è più un fenomeno da social più che da vita reale?
Onestamente mi sembra così…non se ne vedono granché in circolazione.
In rete è più facile il riproporre dei cliché… tanto x bombardare qualche zucca vuota.
Ma forse perché non ho mai frequentato la “bella gente”.

Andrea
Andrea
19/01/2021 13:41

Franco, banalmente il sabrage ci dimostra quanto chi lo pratica non ci capisca un c…o di quello che beve.
La forma più della sostanza, il gesto fine a se stesso più del percorso di scoperta del vino.
Da barbari. Ma quelli veri.

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

19
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x