Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Champagne che passione!

Expéditions Champagne 2020: danni limitati a 230 milioni

Pubblicato

il

Smentiti i profeti di sventura che annunciavano crolli sotto i 200 milioni

Le previsioni erano fosche, molto fosche. Fino a qualche mese fa, quando si parlava di crolli verticali nell’ordine del 40 per cento e più.

Nel 2019 le expéditions de Champagne si erano fermate a quota 297,5 milioni di bottiglie, con un calo dell’1,6 rispetto al 2018, con i consumi all’estero superiori a quelli in Francia, e si temeva che le cose potessero precipitare.

Per fortuna già un mese fa le cose si erano messe meglio tanto che il Comité Champagne poteva parlare, riferendosi alle expéditions di novembre, di 37,1 milioni di bottiglie, con un calo del 15,8% rispetto al 2019. E si spingeva ad annunciare un calo contenuto in un ragionevole 20% e un calo del volume d’affari del 25%.

Il vero punto debole nell’equilibrio commerciale della Champagne continua ad essere il mercato interno, con un calo delle vendite in novembre, dovuto anche al minor numero di turisti, oltre che alla chiusura dei ristoranti, del 30%.

Jean-Marie Barillère, co-président del Comité Champagne, era stato molto eloquente nelle sue dichiarazioni: “il cenone di San Silvestro è stato massacrato dalla pandemia, ed è un momento essenziale nei consumi dello Champagne, sui quali resta una grande incertezza. Il secondo confinement ha posto un freno enorme all’andamento sul mercato francese. E gli Stati Uniti e la Gran Bretagna faranno registrare risultati migliori che il mercato francese nel fine anno”.

Mancano ancora dati ufficiali, che dovevano essere diffusi in questi giorni, ma secondo le ultime stime del Syndicat général des vignerons (SGV) e dell’Union des maisons de champagne (UMC) il 2020, secondo le previsioni incrociate di négociants, coopérateurs e vignerons, potrebbe chiudere con un volume di expéditions tra i 225 e i 235 milioni di pezzi. Smentiti dunque i più foschi scenari, che prevedevano un crollo verticale addirittura sotto i 200 milioni di bottiglie.

Attendiamo dunque le comunicazioni ufficiali del Comité Champagne sui dati definitivi, e impegniamoci tutti, stappando Champagne ogni volta che sia possibile, perché i dati a fine 2021 siano molto migliori. Vogliamo aiutare il “soldato Champagne” a riprendersi, vogliamo che a fine 2021 le expéditions raggiungano almeno quota 250 milioni di pezzi?

Attenzione!:

Non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Armando
Armando
18/01/2021 18:53

Indicazioni sul prezzo medio a bottiglia non ci sono? Grazie

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE











I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x