Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Ocm vino: 400.000 euro per gli spumanti calabresi

Pubblicato

il

Ma che m….a di balle state raccontando sulle bolle calabre?

Lo sperpero di denaro pubblico, il pessimo e disinvolto dei fondi pubblici, anche fondi europei sono prassi comune in Italia e spesso toccano il mondo del vino, come diversi scandali scoppiati su e giù per lo stivale hanno dimostrato. E nella classifica delle aree dove di questi fondi viene fatto un uso discutibile, e non mi si accusi di razzismo e anti-meridionalismo, perché da me, di sangue pugliese per via di nonni materni parte immediato un sonoro vaffa, spiccano il Sud ed in particolare una regione come la Calabria. Spesso amministrata da personaggi al cui confronto il mitico Cetto La Qualunque, parto della geniale fantasia di Antonio Albanese, appare un saggio statista.

Non mi sono stupito più di tanto quando mi sono imbattuto, sulla Gazzetta del Sud online, in questa notizia, che riferisce essere stata “pubblicata, sul portale istituzionale www.regione.calabria.it la graduatoria definitiva del bando “Ocm vino – misura “Promozione sui mercati dei Paesi terzi”, campagna 2020/2021”. Sono state messe a disposizione di “organizzazioni professionali, organizzazioni e le associazioni di produttori di vino, organizzazioni interprofessionali, consorzi di tutela, associazioni, società cooperative e federazioni che perseguono la promozione dei prodotti vitivinicoli”, 405.457,76 euro, destinati “a sostenere la promozione dei vini a denominazione di origine protetta, dei vini a indicazione geografica protetta, dei vini spumanti di qualità, dei vini spumanti di qualità aromatici e dei vini con l’indicazione della varietà”.

Il brillante assessore regionale all’Agricoltura Gianluca Gallo ha definito questo stanziamento come “una misura essenziale per far conoscere ancor più i nostri vini di qualità e allargare le fette di mercato potenzialmente a disposizione degli stessi, in un periodo storico in cui la pandemia ha fatto avvertire i suoi effetti negativi anche in questo settore”.

Al simpatico amministratore chiedo: ci vuole gentilmente spiegare da quando e in qual modo la bella regione Calabria abbia maturato e sviluppato una vocazione spumantistica e in quale geniale modo, magari l’assessore è un enologo, un fantasioso winemaker, si producano “spumanti di qualità” nella terra della nduja e come m…a. si possano produrre, anche in Calabria, “spumanti di qualità aromatici”?

Sono andato a vedermi, su un sito Internet, Calabria gourmet, specializzato nella vendita online di vini e prodotti tipici calabresi, quale sia lo scenario dell’offerta di “spumanti” della patria di Corrado Alvaro e mi sono trovato di fronte ad una serie di Extra Dry, di Brut e Rosé, alcuni anche dai prezzi sostenuti, ma nessuno che presentasse le caratteristiche di una produzione di qualità. Sono bollicine che le varie aziende, siccome gli “spumanti” tirano, hanno pensato di produrre e inserire nella loro gamma.

E per sostenere e promuovere una produzione simile, assessore Gianluca Gallo, dobbiamo ricorrere a fondi OCM vino? Quali mercati terzi, ovvero esteri, non vedono l’ora di accogliere, manco fossero una sorta di Prosechin al peperoncino rosso di Diamante, spumanti calabresi? Va bene che qualche tempo fa Giancarlo Gariglio, curatore di Slow Wine, ebbe a definirli “vini di ottima forma e crescita che promettono di suscitare un certo interesse da parte del mercato”, ma a chi li volete dare a bere questi “spumanti” calabri?

Come direbbe il siciliano Giampiero Mughini: ma dai!

Attenzione!:

Non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE











I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x