Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Champagne che passione!

Champagne Extra Brut Le Mont-Aigu 2013 Guiborat

Pubblicato

il

  • Denominazione: Champagne
  • Metodo: classico
  • Uvaggio: Chardonnay
  • Giudizio: 5
1

Uno Champagne Haute Couture che ti fa sognare ed emozionare

Nuovi protagonisti in Champagne crescono e uno di quelli su cui puntare senza esitazioni, come scrivevo in questo articolo dedicato al suo Extra Brut Prisme 2014, è una piccola maison con sede nientemeno che a Cramant, Guiborat, che produce non più di 30.000 bottiglie. Piccola maison pescata da quei rabdomanti della Champagne che corrispondono al nome di Pietro ed Emanuele Pellegrini, un domaine regno di Madame Karine Mathellie e di suo marito Richard Fouquet, 40enni. Quella attuale è la quinta generazione di viticoltori e loro sono proprietari di 8 ettari a Chardonnay, Meunier, Pinot Noir, in regime di agricoltura “raisonnée” poste nel cuore della Côte des Blancs, con parcelles nei terroir di Cramant, Chouilly e Oiry. Le parcelle di Grand Cru occupano una superficie di circa 3 ettari, per una produzione molto limitata, inferiore alle 30.000 bottiglie/anno.

In cantina Fouquet ha scelto di limitare o evitare del tutto la fermentazione malolattica per privilegiare l’acidità dei vini. Una ricerca della perfezione assoluta che porta talvolta a scelte drastiche: tutte le uve dell’annata 2012, reputata qualitativamente sotto la media, sono state vendute a terzi pur di non mettere in vendita Champagne con la propria etichetta.

Poche bottiglie, ma un marchio in grande ascesa, ricercato per la purezza dei vini prodotti, alta espressione dei migliori Grand Cru della Côte des Blancs, e prezzi importanti.

I loro, già mi era parso chiaro dal Prisme, ma mi è apparso in tutta la sua evidenza di fronte a questo spettacolare meraviglioso Extra Brut Le Mont-Aigu 2013, cuvée prodotta da uve raccolte nella parcella con il medesimo nome, piantata nel 1970 nel comune di Chouilly, Grand Cru, un Blanc de Blancs da sole uve Chardonnay, che svolge la fermentazione e la maturazione sulle fecce fini per 7 mesi, non compie la fermentazione malolattica e riposa sur lie per 78 (la sboccatura del vino bevuto due domeniche fa insieme ad Emanuele Pellegrini al Carroponte di Bergamo, era ottobre 2019), dosaggio a 0 grammi, sono Champagne Haute Couture (o taylor made se, mal ve ne incolga, preferite l’inglese alla lingua de l’Amour) che fotografano fedelmente l’identità di un terroir eccezionale e in una data annata, in questo caso il 2013. 

Per darvi l’idea, se l’ottimo Brut Special Cuvée di Bollinger di cui ho scritto settimana scorsa lo si può considerare come uno Champagne prêt-à-porter, non impegnativo, adatto in ogni occasione, questo Extra Brut Le Moint Aigu di Guiborat, che in Francia, ad esempio qui, potete acquistare a 89,90 euro, è l’abito di alta sartoria, di gran moda oppure l’abito che la fantasia e le sapiente mani di una donna dotata di talento nello scegliere le stoffe, nell’immaginare la foggia e il taglio di un abito sa confezionarsi da sola. E quando lo indossa e tu la guardi, resti con la bocca spalancata come un piciu. E ti scopri perdutamente innamorato e quella donna che magari hai appena conosciuto sogni che possa restare al tuo fianco per sempre.

Uno Champagne per emozionarti, per scoprire nuove sensazioni (quelle che provi ammirando la bellezza dei suoi occhi, i capelli fini, la purezza e la profondità del suo sguardo, l’eleganza delle mani, ascoltando la sua voce che dietro all’ironia disincantata nasconde oceani di tenerezza), da abbinare ad una cucina raffinata di mare, pesci e frutti di mare, ris de veau e homard rotis aux sucs de crustacés. un ceviche de bar aux légumes et à l’huile d’olive, un saumon gravlax et sa feuille d’huitre, une cassolette d’écrevisses oppure un fromage de chèvre cendré, che mi è piaciuto in maniera pazzesca. Quasi come quella meravigliosa Elle che mi fa battere, mannaggia a me romanticone che non si rassegna, il cuore.

Colore paglierino oro con riflessi luminosi, argentati, perlage fine e vivacissimo nei calici di Riedel dove l’abbiamo bevuto e subito un naso che ti conquista (proprio come lei) che ti lascia sans mots per la sua purezza e spiccata mineralità, il suo carattere di pietra e sale che si sposa a note marine, salmastre e ostricose, a sfumature di agrumi, e poi nocciola e pesca bianca.

In bocca l’apoteosi della finezza, dello charme, dell’eleganza, una freschezza minerale infinita, ampia tessitura, croccante e salato sul palato con le bollicine a solleticartelo e quasi coccolartelo, perfettamente armonico, pieno di sapore, lunghissima persistenza e una delicatezza nel porgere da applausi.

Mi sa che qualche bottiglia di questo meraviglioso Champagne Extra Brut Le Mont-Aigu 2013 di Guiborat, la avrò nella mia cantina. Con la speranza, che è sempre dura a morire, che si impone alla ragione, perché con Blaise Pascal credo che “Le coeur a ses raisons que la raison ne connaît point” e dunque certe missions impossibles possono andare a compimento se ci si crede fino in fondo, se ci si impegna, di poterle bere insieme a Lei, guardandola negli occhi e sentendo il cuore volare. Come volava due giorni fa in quella città del nord ovest dove spero di tornare presto…

Non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Damiano
Damiano
22/02/2021 13:30

Di casa Guiborat sentito il Prisme 15 con amici per un brindisi effimero, appoggiati in un tavolaccio preso in prestito da un ristorante, al freddo, con l’ansia e le cautele del distanziamento.
Nonostante le condizioni, ho un pessimo ricordo della bevuta ma un ottimo ricordo di quanto bevuto… davvero un gran Chardonnay.
P.S.: Ziliani, ho scoperto perchè qualche volta ci siamo incrociati con le scelte: nella mia zona opera un bravo rappresentante di Pellegrini (un ragazzo che ho avuto occasione di conoscere e mi sembra abbia tanta passione, competenza e naso non comuni) e che serve alcuni distributori… tra cui chi ha fornito il pregiato liquido per quella sera e che era al tavol(acci)o con noi.
Evidentemente la catena funziona parecchio bene: produttore, importatore, rappresentante, dettagliante (mi scusino se ho usato termini impropri) e… consumatore.

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x