Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Discussioni

Finiti i Mondiali di Sci Alpino di Cortina, bilancio positivo per il Prosecco Doc

Pubblicato

il

Anche nell’horribilis 2020 il Prosecco commercializza 500 milioni di bottiglie

Non sono notoriamente un Prosecco fan, ma solo un imbecille non potrebbe non ammirare e inchinarsi alla capacità imprenditoriale di un interno comparto e di una denominazione, il Prosecco Doc, che lo scorso anno ha compiuto i primi dieci anni di vita, che grazie al suo mare di bottiglie vendute ormai in ogni angolo del globo, all’ingente budget a disposizione da spendere per raccontarsi, per sponsorizzare eventi, riesce sempre e comunque a fare parlare di sé.

Non bevo Prosecco Docg (riesco appena a bere un bicchiere, di più non riesco, sono Champagne dipendente, di Prosecco Docg, quello della storica zona Conegliano Valdobbiadene, e anche Asolo) ma ogni tanto, anche perché il Consorzio dispone di un’addetta stampa straordinariamente brava, quella Signora elegante che risponde al nome di Albina Podda (auguri di buon compleanno per domani cara Albina!) dedico spazio pubblicando (gratuitamente, io a differenza di qualche gaglioffo non chiedo soldi per pubblicarli …) un comunicato stampa relativo al Prosecco Doc.

Comunicato che racconta che lo scorso anno, nonostante l’emergenza coronavirus, la chiusura per mesi di bar e ristoranti dove il Prosecco impazza, la Doc Prosecco ha raggiunto la sorprendente quota di 500 milioni di bottiglie commercializzate, anche grazie all’introduzione della tipologia rosé (16,8 mln di bottiglie) e che un ruolo importante continua ad avere l’export, con il consolidamento dei mercati storici e crescite considerevoli in mercati ancora contenuti come Taiwan (+98,9%), Ucraina (+70%), Messico (52,4%) e Russia (+46,3%).

E quando si riesce ad essere, spendendo bene i soldi degli associati, “official partner” dei Mondiali di Sci Alpino, come si sostengono da anni i mondiali di Super Bike e Moto GP, tanto di cappello. E chi se ne frega se un certo Ziliani il Prosecco non lo beve, importante è che lo bevano i consumatori di tutto il mondo…

Spettacolo, sorprese, emozioni dalle forti tinte agonistiche, tanta neve ma soprattutto…un tripudio di bollicine! Sono stati questi gli ingredienti principali dei Mondiali di Sci Alpino che si sono svolti nei giorni scorsi a Cortina, location che passa ora il testimone a Courchevel-Méribel per i 47° Campionati Mondiali che si terranno così in Francia nel febbraio del 2023. I campioni del “Circo Bianco” sono stati gli attesi protagonisti dell’edizione iridata che si è tenuta tra le Dolomiti ampezzane, in un connubio di sport ed enogastronomia. Ad allietare il podio di ogni singola gara, nonché il parterre “vip”, era difatti presente il Consorzio di Tutela del Prosecco DOC che per l’occasione, in qualità di “Official Partner” della competizione, si è presentato al cancelletto di partenza con una preziosa serie di bottiglie prodotte in una Limited Edition dedicata proprio ai Mondiali.

Cortina 2021 Alpine Ski World Championships. Sebastian Johan Foss Solevåg (NOR) Henrik Kristoffersen (NOR) Cortina d’Ampezzo 21/02/2021 Photo: Pentaphoto Gio Auletta

 «La presenza del nostro Consorzio ad un così grande evento di respiro internazionale ci pone in una condizione di grande entusiasmo – dichiara Luca Giavi, Direttore Generale del Consorzio del Prosecco, a margine della Cerimonia di chiusura della kermesse – Siamo dunque davvero felici di aver contribuito a scrivere questa bellissima pagina della storia di Cortina e dello sci alpino. Inoltre, i Mondiali si sono per noi rivelati una importante vetrina di promozione internazionale e non potevamo di certo lasciarcela scappare. Dispiace solo che, a causa dei protocolli Covid, l’evento si sia tenuto principalmente in digitale attraverso le tv e lo streaming, dunque senza il caloroso sostegno del pubblico. Nonostante questo, il nostro bilancio finale è ottimo visto che 500 milioni di persone in tutto il mondo sono state collegate per due settimane sulle immagini provenienti da Cortina – conclude Giavi – E come ha detto sul traguardo della pista di Rumerlo la nostra Sofia Goggia, atleta di punta della valanga azzurra che come è noto non ha potuto competere per un incidente occorsole pochi giorni prima della competizione, “troveremo presto momenti migliori per brindare tutti insieme!”. Un grande plauso va ai due azzurri premiati Marta Bassino e Luca De Aliprandini. Dunque, non vediamo l’ora di “rimetterci in pista” in ottica delle prossime Olimpiadi Invernali di Milano-Cortina 2026».

Un percorso, quello di avvicinamento ai prossimi Giochi Olimpici, che vedrà il Prosecco DOC a fianco anche dello Chef Team Cortina composto da Graziano Prest, anima del rinomato e stellato “Ristorante Tivoli” e da Fabio Pompanin di Al Camin, la Famiglia Menardi di Baita Fraina, Luigi Dariz di Da Aurelio,  Michel Oberhammer di Baita Pié Tofana, Carlo Festini di Lago Scin, Massimo Alverà di Pasticceria Alverà, Nicola Bellodis di Rio Gere e Famiglia Bocus di Villa Oretta. L’obiettivo di questa squadra, formata dai 10 acclamati chef tutti provenienti dalla “perla delle Dolomiti”, è quello di esaltare, a livello internazionale, la tradizione e la genuinità enogastronomica italiana e dolomitica, che anche per il futuro potranno contare sulla collaborazione del Consorzio Prosecco DOC.

Una denominazione, quella del Prosecco, che ha raggiunto la sorprendente quota di 500 milioni di bottiglie commercializzate nel 2020, nonostante le difficoltà per il settore della ristorazione, grazie all’introduzione della tipologia rosé (16,8 mln di bottiglie) e alla consapevolezza e fidelizzazione del consumatore alla nostra denominazione. Un ruolo importante è stato ricoperto anche dall’export, con il consolidamento dei mercati storici e crescite considerevoli in mercati ancora contenuti come Taiwan (+98,9%), Ucraina (+70%), Messico (52,4%) e Russia (+46,3%). Segno, quest’ultimo, che dimostra come il Prosecco DOC continui ad essere immancabilmente al centro delle richieste dei buyer internazionali, rimarcando così, ancora una volta, la lungimiranza del suo claim “Italian Genio”.

Un cenno di riconoscenza va rivolto alle aziende, riportate di seguito, che hanno messo a disposizione il Prosecco DOC per le degustazioni organizzate nel contesto della ‘Tofana Lounge’:

Bisol

Ca’ di Rajo

Cantine Maschio

Castello di Roncade

Colli del Soligo

Enoitalia

La Marca

Le Colture

Le Rughe

Masottina

Mionetto

Ponte 1948

Rebuli

Ruggeri

Serena Wines

Sorelle Bronca

Tosti

Valdo

Villa Sandi

V8+

Zardetto

Non dimenticate di leggere anche

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Damiano
Damiano
25/02/2021 14:18

Le chiacchere stanno in poco posto… questi menano davvero.
Poi possiamo dire che il prodotto non ci piace, che aiuta il fatto che il prodotto non è costoso, che non ci piace che mettano viti anche su Marte, che si inventino dal nulla una denominazione Pink… tutto condivisibile… però fanno numeri stratosferici.
E da quello che capisco la spinta propulsiva è ancora notevole.
Provocatoriamente (ma fino un certo punto) bisognerebbe che il consorzio Prosecco venisse affittato da consorziati di altre denominazioni (che magari hanno consorzi meno vitali) per lanciare/rilanciare i propri prodotti.
Il marchio Prosecco Doc venduto anche come modello di gestione consorziale/aziendale (io lo comprerei di corsa).

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE











I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x