Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Champagne che passione!

Champagne Extra Brut Les vignes d’Autrefois 2015 Laherte Frères

Pubblicato

il

Grande esperto di Champagne, Giacomo Busulini dopo averci presentato il Blanc de Blancs Coeur de Mesnil di Michel Gonet e il Blanc de Blancs Extra Brut Les Pierrières di Ulysse Collin, e due cuvées di una vigneronne molto particolare, Francoise Bedel, oggi ci porta nel  mondo di Aurélien Laherte. Buona lettura!

Inizio con alcune note tecniche:

Alcol 12,5%, varietà Pinot Meunier, parcelle di selezione massale piantate tra il 1947 e il 1953 nei seguenti terroirs della Valle della Marna:

1) Villaggio di Chavot: La Potote, Les Rouges Maisons. Suoli argillosi e limosi, abbastanza profondi, con presenza di selce e sassolini. Sottosuolo gessoso.

2) Villaggio di Mancy: Les Hautes Norgeailles, Les Bas putroux. Suoli argillosi con un piccolo strato di limo in superficie. Sottosuolo gessoso.

Ho conosciuto Aurélien Laherte all’evento “Le printemps des champagnes – Terres et Vins de champagne” degustation des vins clairs 2016 et des champagnes – 9eme edition  24 avril 2017,   Palais du Tau  – Reims. In qualità di meticoloso vinificatore e devoto praticante di viticoltura biologica e biodinamica, Aurélien Laherte, ultimo discendente di una famiglia di viticoltori dal 1889, si impegna a produrre una gamma di Champagne miscelati e monovitigno che esprimono profondamente le identità dei suoi terroir unici, nella Côteaux Sud d’Epernay, una sottoregione inserita tra la Côtes des Blancs e la Vallée de la Marne.

Viticoltura tradizionale: la vite cresce nel rispetto della natura, influenzata metodi biologici e biodinamici, utilizzando solo composti vegetali ed effettuando potature non invasive.

Vinificazione: le uve vengono raccolte a mano a completa maturazione e pressate tradizionalmente. Fermentazione alcolica in barriques di Borgogna da 228 litri (invecchiate minimo 4 anni). La fermentazione malolattica è stata bloccata per mantenere un’ottima tensione, affinamento per 6 mesi sulle fecce fini con regolare rimescolamento; leggera filtrazione prima dell’imbottigliamento avvenuta nella primavera del 2016, sboccatura à la volée dopo 36 mesi (aprile 2019), dosaggio 2-4 gr/l., numero 3.338 bottiglie prodotte.

Note gustative: colore giallo dorato scintillante con perlage fine e persistente, naso aromi di mela rossa, mandorle, pesca bianca e mandarino, prugna rossa matura, cedro, spezie, fiori secchi e menta aggiungono sfumature, sorso corpo pieno, denso e vinoso, con un generoso nucleo di frutta gialla, acidità pungente, superbo equilibrio e un finale persistente e minerale con note di ribes e rabarbaro.

Abbinamenti: salmone grigliato con salsa al prezzemolo, tonno in crosta di pistacchio, riso al forno con ratatouille di verdure, pesce alla griglia, spaghetti con le vongole in bianco, formaggio molle (epoisses, camembert, reblochon, cancoillotte, marolles, pélardon des Cévennes) , gamberi, noci di Saint Jacques con fonduta di porri, filetti di sogliola alla crema di avocado e pesto di zucchini, involtino di ricciola con ripieno di zucchine in camicia di lardo di Colonnato su caponata di verdure julienne in agrodolce, pollo con spugnole in casseruola.

Musica di sottofondo: Antonio Vivaldi: «Grosso Mogul» Violin Concerto in D major RV 208, La Serenissima.

Non dimenticate di leggere anche:

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it. E di visitare il nuovo canale Youtube https://www.youtube.com/watch?v=MltATjzDhAs

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Roberto
Roberto
12/03/2021 12:07

Bottiglia fantastica, la compro (quasi) ogni anno in una enoteca in Alsazia, sui 45 euro.

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x