Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Champagne che passione!

Champagne Blanc de Blancs 2011 Roederer

Pubblicato

il

  • Denominazione: Champagne
  • Metodo: classico
  • Uvaggio: Chardonnay
  • Giudizio: 5
0.9

Una cuvée perfetta, una carezza setosa, luxe calme et volupté

Capita, a volte, molto più facilmente di quanto possa capitarti di imbatterti nella donna giusta, quella di cui ti innamori, nel cui cuore ti illudi (pirla come sei) di poter entrare, ma poi invece scopri che al massimo puoi ambire a starle (o le stai decisamente…) sulle…, di imbattersi nella bottiglia di Champagne perfetta. Quella che da quando la stappi fino all’ultimo sorso tutto è meraviglia, luxe, calme et volupté per dirla con Baudelaire, armonia assoluta.

A me questo miracolo, questa sorta di incantamento bollicinoso è capitato pochi giorni fa, quando per il puro piacere di coccolarmi e presagendo la batosta (sentimentale) che sarebbe arrivata, ho deciso di stappare Roederer. Non il Brut Nature con l’etichetta designata da quel genio di Philippe Starck, che ho avuto il piacere di conoscere a Milano qualche anno fa in una magnifica serata vista Duomo, né tantomeno il celeberrimo Cristal, che è sicuramente un gran vino, ma che non posso permettermi e lascio pertanto tranquillamente ad arricchiti, starlettes, wine influencers, calciatori e fauna da discoteca. Oltre che ai veri esperti in grado di apprezzarne lo splendore.

Cosa mi sono scelto, nell’ampia e strepitosa gamma di Champagne di questa Maison fondata a Reims da Louis Roederer nel 1776, nello stesso anno in cui nascevano gli Stati Uniti d’America, maison che conta su 240 ettari di proprietà che comprendono esclusivamente Grands e Premiers Crus, per un totale di 410 appezzamenti e che segue da tempo i principi dell’agricoltura biodinamica, approfondendo lo studio delle biodiversità e preservando l’originalità di ogni appezzamento?

Nella gamma di grandi Champagne, tutti distribuiti in Italia dallo stesso importatore della Romanée-Conti, ovvero Sagna di Torino, ho scelto, andiamo al sodo, inutile dilungarsi a raccontare chi sia Roederer,  quale eccellenza si trovi in ogni sua cuvée, il Blanc de Blancs 2011, da uve Chardonnay provenienti da due grandi cru super, Mesnil-sur-Oger e Avize, vigne poste su terreni gessosi, per una vinificazione che prevede che il 20% dello Chardonnay sia vinificato in fusti di rovere, il resto in acciaio, affinamento 60 mesi sui lieviti.

La cosa bella è che se vorrete concedervi questo capolavoro, considerando che si tratta di un millésimé 2011 e che la Maison è Roederer, mica pincosse pallosse, non dovrete svenarvi e prepararvi a tirare fuori duecento ero minimo come nel caso del Cristal. Online, ad esempio qui, lo trovate a meno di 70 euro, e se si considera che sempre online vi chiedono 60 euro per un Franciacorta sopravvalutato, e 85 euro (oggi le comiche!) per quest’altro, si può parlare per questo Champagne Blanc de Blancs di uno strepitoso rapporto prezzo qualità.

Io ne sono stato conquistato, al punto che avrei voluto che la mia bottiglia fosse un magnum, non una sette decimi, tale era il piacere che questa cuvée perfetta, opera dello chef de cave Jean-Baptiste Lécaillon, mi ha regalato.

Colore paglierino oro intenso, perlage di finezza inaudita (guardatelo!) nel bicchiere di Sophienwald dove l’ho versato, un bouquet suadente, leggero, aereo, di indescrivibile eleganza, con note frutta secca (mandorla, noci, nocciola), in evidenza, sfumature leggere di mela, pera e pesca bianca, e fiori bianchi freschi, un quid di meringa e una vaga nota che richiama la cannella, un esprit de finesse assoluto.

Bocca larghissima, di entusiasmante ampiezza, gusto che si allarga progressivamente con delicatezza, largo, pieno, suadente, grasso ma fresco e soprattutto delicato, una carezza setosa, perfetto equilibrio e armonia, una bocca sensuale, avvolgente, dalla tessitura larga, grande dinamismo e nerbo acido calibrato.

Che dire se non standing ovation, applausi scroscianti e chapeau?

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it. E di visitare il nuovo canale Youtube https://www.youtube.com/watch?v=MltATjzDhAs

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Luca
Luca
14/03/2021 13:18

Vorrei capire una cosa Ziliani. Ma se vendono il franciacorta a 9 euro…lei dice non va bene. Se lo vendono a 80…lei dice non va bene . Mi potrebbe chiarire quale è la sua logica per determinare il prezzo di uno spumante?

Damiano
Damiano
14/03/2021 19:49

.e per fortuna che avevo detto che non “era la migliore espressione” (o qualcosa del genere) il BdB di Roederer… mi autoboccio e flagello pubblicamente.
O forse potrei assegnare sechs sterne al Vintage 2012 e Starck 2013.
La sua descrizione di perfezione, Ziliani, mi ha convinto a farmi regalare da mia moglie (o da un fornitore ancora meglio) una bottiglia speciale di una maison parimenti speciale.

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

3
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x