Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Champagne che passione!

Champagne Brut Blanc de Noirs La Grande Cuvée Charles VII Canard-Duchêne

Pubblicato

il

  • Denominazione: Champagne
  • Metodo: classico
  • Uvaggio: Pinot noir, Meunier
  • Giudizio: 5
1

Dedicato ad un grande Re di Francia uno Champagne regale

Come scrivevo mesi fa, in questo articolo, c’è spesso l’amore, ci sono storie d’amore bellissime intorno allo Champagne, alle origini di molte Maison de Champagne. E’ stato proprio un grande amore, quello tra Victor Canard et Léonie Duchêne, lui tonnelier, lei figlia di vigneron, a portare nel lontano 1868 non solo ad un legame di coppia stabile e duraturo, ma, quel che più conta, alla fondazione di una Maison de Champagne che gli appassionati bene conoscono, e le cui cuvées sono disponibili in Italia grazie ai fratelli Balan, che insieme ad altre Maison, ovvero Thienot, Pascal Doquet, Arnold Michel et fils, le distribuiscono nel Belpaese.

La Canard-Duchêne é nata a Ludes e ha avuto sin dalle origini come mission rivelare il meraviglioso potenziale offerto da questo fianco di coteau situato nel cuore della Montagne de Reims, tra foreste odorose di essenze rare e vigne in dolce pendenza. Qui è terra di Pinot noir soprattutto, con suoli tutti craie, sabbie, argille e calcari. E il Pinot noir per Canard-Duchêne è il marchio distintivo: è al Pinot noir, alla sua potenza e alla sua eleganza, che gli Champagne della gamma aziendale devono il proprio stile. Questo il pensiero dello Chef de caves Laurent Fédou, che ha la fortuna di poter contare anche su una cave di conservazione, tagliata a mano nell’Ottocento, che si estende su sei chilometri, a quattro livelli, tra 12 a 38 metri di profondità.

Nel XIX secolo la casata imperiale di Russia riconobbe Canard-Duchêne degna di sfoggiare il suo blasone, l’aquila incoronata a due teste. Mentre la maggior parte delle grandi Maison di Champagne si trova in città, a Reims o a Epernay, Canard-Duchêne ha la peculiarità di essere situata sui fianchi delle colline viticole, nel cuore della Montagne de Reims, a Ludes.

La cuvée che ho scelto, per tornare a parlarvi di questa Maison, ha un significato non solo enologico, ma storico, perché sull’etichetta di questo Champagne Brut Blanc de Noirs La Grande Cuvée Charles VII, si legge “Charles VII sacré à Reims en 1429”, e, ve la dico in francese, “contesté par les Bourguignons et par les Anglais, Charles VII devient le souverain d’un royaume en proie à la guerre civile entre Armagnacs et Bourguignons, compliquée d’une intervention militaire anglaise victorieuse depuis la bataille d’Azincourt (1415). Allié au parti des Armagnacs, replié au sud de la Loire dans son duché de Berry, surnommé par dérision « roi de Bourges », par ses ennemis, le dauphin Charles de Ponthieu, proclamé roi Charles VII de France, voit sa légitimité et sa situation militaire s’arranger nettement grâce à l’intervention de Jeanne d’Arc.

Celle-ci participe à la levée du siège d’Orléans et conduit Charles VII à la cérémonie du sacre à Reims. Le souverain se fait sacrer à Reims le 17 juillet 1429, ce qui renforce sa légitimité. Il poursuit le combat contre les Bourguignons, alliés des Anglais”.

Uno Champagne regale dunque questa cuvée sapiente assemblage di Pinot noir, 70% e Meunier, 30%, con l’aggiunta di un 20% di vini di riserva delle migliori annate, affinato un periodo di almeno 4 anni prima del dégorgement, dosato a 9 grammi di zucchero e per i patiti del genere, certifié Vegan.

Laurent Fédou, Chef de Caves de la Maison Canard-Duchène di questa cuvée dice: “Charles VII Blanc de Noirs est un champagne généreux et puissant qui offre une grande maturité tout en conservant un magnifique équilibre”, viene da vigne grand s crus come Mailly, Ay e Bouzy, e si tratta di uno Champagne dal rapporto qualità prezzo stellare, perché se lo acquistate direttamente tramite lo shop della Maison lo pagherete solo 44,90 euro, ovvero solo sei euro di più di quello che pagate in alcuni canali della GDO un Franciacorta Prestigioso, almeno nel nome. Mentre in altre enoteche online, ad esempio questa, viene 56,80.

A me questo Charles VII intenso e complesso, che la Maison consiglia di abbinare au piatto delizioso e complesso come Ris de veau aux champignons et son risotto crémeux, ad un Foie gras de canard poêlé avec ses fruits du moment rôtis au miel, o ad un fromage aux truffes, e che io mi sono bevuto con cose molto più semplici, ma l’ho stappato ugualmente perché di questi tempi ho particolarmente bisogno di coccole e quelle che arrivano da un grande Champagne non saranno quelle che vorrei, ma sempre meglio che stappare Prosecco o bollicine della zona spumantistica bresciana, è piaciuto tantissimo.

Bellissimo il colore, un paglierino oro intenso e brillante, finissimo e continuo il perlage, e subito un naso caldo, solare, ben maturo, giocato tra note di ananas, pompelmo, fiori bianchi secchi, mandorla e noce, e frutti rossi come ribes, a costituire un insieme avvolgente e di grande impatto.

Bocca piena, larga, ricca, potente, vinosa il giusto e di grande ampiezza, con un gusto grasso ma fresco e dinamico, salda struttura e persistenza lunga, con una chiusura in retrogusto che richiama la mandorla, anzi, il marzapane.

Scommetto che anche Charles VII se potesse assaggiare questo Champagne a lui dedicato ne sarebbe gratificato e soddisfatto come noi umili mortali devoti della douce France, della France éternelle.

E non dimenticate di visitare anche:Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it. E il nuovo canale Youtube https://www.youtube.com/watch?v=MltATjzDhAs

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Trentino al Sud
Trentino al Sud
22/03/2021 17:33

Che fine ha fatto Tattinger ?
Qualche ex non lo ha gradito ?????????????????

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x