Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Champagne che passione!

Champagne Extra Brut Grand Cru Blanc de Noirs Cuvée du Goulté 2013 Marie Noelle Ledru

Pubblicato

il

Grande esperto di Champagne, Giacomo Busulini dopo averci presentato il Blanc de Blancs Coeur de Mesnil di Michel Gonet e il Blanc de Blancs Extra Brut Les Pierrières di Ulysse Collin, ecc. ecc. oggi ci presenta lo Champagne Extra Brut Grand Cru Blanc de Noirs Cuvée du Goulté 2013 di Marie Noelle Ledru. 

Ho conosciuto Marie Noelle Ledru all’evento “Le printemps des champagnes – Terres et Vins de Champagne” degustation des vins clairs 2016 et des champagnes – 9eme edition, 24 avril 2017,  Palais du Tau a Reims.

“Supportare la vite, prendersi cura di essa, lasciarla esprimere … promuovere il contatto personale e diretto con la vite e il vino preservando il lavoro manuale”, così si presenta Marie Noelle Ledru, una rara razza di vigneronne, colei che ama definirsi semplicemente “viticultrice”, anche se nello Champagne è conosciuta come “la Reine du Pinot Noir et Notre-Dame d’Ambonnay.” Ha ereditato la proprietà dai suoi genitori che si sono ritirati nel 1984, la sua filosofia è praticamente organica, non utilizza insetticidi e erbicidi e, se i trattamenti sono necessari, vengono prese in considerazione solo le opzioni ecologiche.

La sua superficie coltivata è solo di 1,7 ettari (Pinot Nero 1.4, Chardonnay : 0.3), e produce mediamente 12.000 bottiglie.

Questo è il Suo Champagne top: Cuvée du Goulté Grand Cru Blanc de Noirs Extra Brut 2013, alc.12%.

In dialetto locale “goulté” si riferisce al succo di prima qualità migliore dell’uva spremuta. Varietà: Pinot noir (100%), selezionato dalle migliori particelle a media pendenza del territorio di Ambonnay (Montagne de Reims). Età media delle viti: 40 anni. Suolo: argilla lignite, marna verde, calcari bartoniani, calcari di Ludien, sabbie, pietra focaia, argilla di gesso sparnaciano, campano, marne di Thanétien, sabbie di Thanétien, sabbie di Cuisien, marne luterane e marne bartoniane. I vigneti sono curati senza prodotti chimici ed erbicidi, ma lei non desidera ottenere la certificazione in viticoltura biologica.

Vinificazione: fermentazione in serbatoi di acciaio inox, malolattica svolta, affinamento in bottiglia sui lieviti per 60 mesi. nessuna filtrazione, nessuna stabilizzazione a freddo, dosaggio 4 g/l., si utilizzano quantità minime di zolfo durante gli appropriati processi di vinificazione. Le bottiglie vengono sboccate a mano.

Note Gustative: colore giallo dorato, perlage fine e persistente, naso con sfumature di croste di pane, mela golden, arancia candita, zenzero, nocciola, sentori minerali di pietra focaia, al sorso classe ed eleganza, teso, profondo, intenso, sapido, vinoso, leggermente brioché, il finale chiude su note fresche e austere di frutti di bosco e scorze di agrumi candite, accompagnate da una piacevole sensazione sapida.    

Abbinamenti: aragosta alla catalana, orata pesce al forno con erbe aromatiche e limone, spigola all’isolana, gallinella di mare al forno con crema di capperi, tartare di salmone selvaggio affumicato con crema di avocado e mandorle tostate, riccio di mare in gelatina di mele, Chaource in zuppa di Parmentier. 

Sottofondo musicale: Preludio n°2 in C minor BWV 847 Johann Sebastian Bach

https://youtu.be/CGVL5j6BEKs

Attenzione!:

Non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it e il mio nuovo canale You Tube https://www.youtube.com/channel/UCVXjB6pMu52N9Z3AZbgSEaA

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Damiano
Damiano
14/04/2021 08:02

Tempo fa ebbi occasione di assaggiare da un amico questa bottiglia (ahimè non ricordo l’annata… forse la 2014?).
Prima di incontrare l’amico che mi aveva anticipato la cosa, incuriosito dalla bella etichetta postata e dal nome della signora (non è gradevole ripetere Marie Noelle Ledru?), mi sono documentato sulla signora… proprio un personaggio intrigante.
Rimanendo sul vino, ricordo un bdn vinoso sì/vinoso no… ossia che il vinoso lo aveva più nella prima parte del sorso che nell’ultima, ragion per cui il gradimento fu tanto.
Assolutamente gastronomico.

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x