Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Champagne che passione!

Champagne Brut Blanc de Blancs 2013 Fernand Thill

Pubblicato

il

  • Denominazione: Champagne
  • Metodo: classico
  • Uvaggio: Chardonnay
  • Giudizio: 4.5
1

Uno Champagne di grande piacevolezza di una Maison da scoprire

Diavolo di un Mongiardino! Non contento di averci fatto scoprire, già negli anni Ottanta, lo Champagne dell’Avvocato Agnelli (quanti hanno scelto Philipponnat per provare ad essere un po’ fighi come l’uomo più elegante e per molto tempo più potente d’Italia!) e poi avere una gamma di Champagne che comprende quelli inarrivabili, da Meunier 100%, di Jérôme Prévost, quelli di Gaston Chiquet, Franck Pascal, Chartogne-Taillet, Egly-Ouriet, Aubry, Leclapart, Cédric Moussé, Ulysse Collin, per citarne solo alcuni di una gamma scintillante, il buon Pepi, da bravo Champagne talent scout si diverte ad offrirci sempre nuove trouvailles champagniste.

Una delle più recenti, una bella scoperta, sono gli Champagne, ne ha selezionati quattro, Tradition, Rosé, Blanc de Blancs, Millésimé, della Maison Fernand Thill di Verzy, località posta tra Reims ed Epernay, una famiglia originaria del Lussemburgo che si trasferì agli inizi del 1800 in Francia e acquistò alcuni vigneti di Pinot Nero e Chardonnay nei comuni di Verzy e Verzenay, due dei diciassette Grand Cru dello Champagne

La storia del domaine ha inizio nel 1827 quando a Feulen nel Gran Ducato del Lussemburgo nacque Jean-Adam Thill che come tanti connazionali dell’epoca tentò “l’expérience française”. Dal matrimonio con Suzanne Renard, originaria di Grendel vicino a d’Arlon (oggi territorio belga) nacquero due figli, di cui il maggiore, Dominique, si stabilì a Verzy. Alla sua morte toccò alla vedova e al figlio tredicenne Fernand di occuparsi del domaine, che si sviluppò sino alla sua morte nel 1975 quando a succedergli fu la seconda figlia Marie-Thérèse, che oggi agisce come récoltant-manipulant ed elabora esclusivamente le uve di proprietà. La famiglia è inoltre produttrice in Beaujoulais di un Moulin-à-vent e nel Maconnais di un Saint-Véran (appelation meno nota ma validissima nella zona dell’AOC Pouilly-Fuissé).

Va ricordato, per inquadrare lo stile degli Champagne di questa piccola Maison, che il terroir di Verzy, che offre molte attrattive anche dal punto  di vista turistico e paesaggistico, è molto particolare e il clima oceanico e rigido, le modeste precipitazioni e il terreno di origine gessosa in grado di drenare l’acqua e di riflettere la luce solare assicurano una perfetta maturazione delle uve.

Io ho provato (e bevuto copiosamente, gli Champagne buoni si bevono non ci si limita a degustarli come si fa spesso con deludenti bollicine italiche) il Blanc de Blancs 2013 di Fernand Thill, sboccatura dell’ottobre 2020, quindi una lunga permanenza sui lieviti.

Bellissimo il colore, un paglierino oro molto intenso, carico, luminoso, finissimo (come potete vedere dalle immagini) il perlage, e un naso abbastanza secco e deciso, ma fragrante, aereo, tutto giocato tra note agrumate (cedro e mandarino), fiori bianchi, tiglio in particolare, pietra focaia e mandorla, un bouquet molto accattivante e fresco, di nitida definizione.

Croccante e sapido al gusto, vivo, nervoso, con coda lunga e salata, con buona ampiezza e persistenza, chiusura su una leggera nota di mandorla salata, con dinamismo e acidità ben bilanciata.

Un’eccellente scoperta questa Maison e un ottimo Champagne da aperitivo e da antipasti freddi a base di pesce e primi piatti con verdure e pesce.

E non dimenticate di visitare anche:

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ E il nuovo canale Youtube https://www.youtube.com/watch?v=MltATjzDhAs

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Ekaterna
Ekaterna
27/05/2021 10:40

Subito voluto un sorso di champagne!

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x