Seguici su
Attenzione: questo sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookie al fine di garantire una migliore navigazione. Se si continua a navigare si acconsente automaticamente all'utilizzo. Continua Leggi l'informativa completa

Notizie

Champagne Blanc de Blancs Horizon Pascal Doquet

Pubblicato

il

  • Denominazione: Champagne
  • Uvaggio: Chardonnay
  • Giudizio: 5
  • Metodo: classico
1

Quando é la craie a determinare il carattere di una cuvée

Avevo visto bene, la bottiglia dello Champagne Rosé Anthocyanes di Pascal Doquet che mi era capitata e di cui avevo comunque scritto, pur con tutte le riserve del caso, non era una bottiglia particolarmente fortunata. Troppo diverso lo stile da quello dell’Extra Brut Blanc de Blancs Premier Cru Arpège, che tanto mi aveva entusiasmato con il suo “arpeggio” aromatico tutto frutta e fiori bianchi secchi, nocciola e noce, agrumi sale e pietra, miele d’acacia, meringa miele cioccolato bianco, il gusto setoso e croccante nel bicchiere, per farmi pensare si trattasse della stessa stilistica.

Ho pertanto voluto provare un’altra cuvée della Maison Pascal Douquet, (importata in Italia da Balan), domaine situato nel comune di Vertus, al confine sud della Côte des Blancs, con vigneti di proprietà che si estendono per 8,66 ettari nei comuni di Mesnil-sur-Oger, Vertus, Bergères-lès-Vertus – e per 3,45 nella zona di Vitry-le-François per vedere se avrei ritrovato lo stesso savoir-faire di un vigneron che si occupa sia della gestione del vigneto che dell’elaborazione delle cuvées, ed è un produttore di vino biologico e biodinamico che mira alla completa espressione dei diversi terreni sui quali sorgono i vigneti.

Nella sua gamma che comprende, Blanc de Blancs Premier Cru Arpège, Blanc de Blancs Grand Cru Diapason, Premier Cru Le Mont Aimé, Premier Cru Vertus, Grand Cru Mesnil sur Oger Coeur de Terroir, Rosé Premier Cru Anthocyanes, ho scelto il Blanc de Blancs Horizon e ho rivissuto l’emozione della generosità aromatica e della vinosità offerte dalle argille generose dei terroirs di Vertus e della mineralità profonda e calda dei suoli pietrosi del Mont Aimé.

Horizon è un Blanc de Blancs Chardonnay 100% da vigne poste nei villaggi di Bassuet e Bassu, nella zona di Perthois, vicino a Vitry, vigne piantate nel 1970, la cuvée è composta per il 32% da uve dell’annata 2016, assemblate con uve di una riserva perpetua avviata nel 2012. L’imbottigliamento è avvenuto nell’aprile 2017 e l’affinamento è stato di 36 mesi minimo.

E questa volta, come nel caso dell’Arpège, entusiasmo senza sé ne ma, totale soddisfazione.

Ampia, generosa, esuberante la presa di spuma, fine e continuo il perlage pieno di energia, rilucente e smagliante il colore paglierino oro, e che meraviglia, che quintessenza della “champagnosità” con quei profumi finissimi, ben secchi, incisivi, sapidi, nervosi di pietra e sale, quelle note marine, quasi salmastre che ti fanno venire voglia di berlo davanti ad un plateau royal di crostacei e molluschi, ad una ricca scelta di huîtres o quantomeno ad un piatto di cozze alla marinara, con olio, aglio e prezzemolo e senza la crème fraiche che hanno l’abitudine di aggiungere (e io non ne colgo affatto il senso) in Francia.

E poi note delicate, freschissime, di pesca bianca, meglio, pesca nettarina, fiori bianchi, mandorla, che poi ritrovi, amplificate, sapide, nervose, al gusto, ampio, gustoso, ricco di nerbo, con un’acidità calibrata a dare il ritmo, a conferire una scansione lunga, un grande dinamismo allo Champagne. Piacevolezza estrema, croccantezza delle bulles, lunga persistenza.

Che dire se non che all’horizon ecco un grande Champagne?

Attenzione!:

Non dimenticate di leggere anche Vino al vino http://www.vinoalvino.org/ e il mio nuovo blog personale www.francoziliani.it e il mio nuovo canale You Tube https://www.youtube.com/channel/UCVXjB6pMu52N9Z3AZbgSEaA

Print Friendly, PDF & Email

Due brevi note di presentazione Sono nato a Milano nel 1956 e dal 1966 vivo in provincia di Bergamo. Giornalista pubblicista dal 1981, dal 1984, dopo aver collaborato, scrivendo di libri, cultura, musica classica e di cucina, a quotidiani come La Gazzetta di Parma, Il Giornale, La Gazzetta ticinese e Il Secolo d’Italia, mi occupo di vino. Per diciotto anni, sino all’ottobre 1997, sono stato direttore di una biblioteca civica. Continua a leggere ...

Continua a leggere
Fai click per commentare
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguimi su Facebook

SPAZIO PROMOZIONALE









I SUGGERIMENTI DI VINOCLIC


LEGGI IL MIO BLOG PERSONALE!

Tendenza

Autore: Franco Ziliani - P.IVA: 02585140169 - Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a Franco Ziliani, saranno subito rimosse.
Privacy Policy

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x